VOLLEY

WithU, accendi il motore: a Piacenza sarà battaglia

Gli avversari sono una vera corazzata. Per Verona - energica, piena di talento ma estremamente giovane - sarà la prova del nove
La grinta di Rok Mozic (FotoExpress Zattarin)
La grinta di Rok Mozic (FotoExpress Zattarin)
La grinta di Rok Mozic (FotoExpress Zattarin)
La grinta di Rok Mozic (FotoExpress Zattarin)

La partenza è subito in salita. Una rampa da affrontare a testa bassa e a pieni polmoni. WithU Verona questa sera alle 20.30 affronterà Piacenza in trasferta al PalaBanca. Un esordio durissimo: gli emiliani quest’estate hanno fatto un mercato stellare e si sono rinforzati tantissimo. Sono arrivati campioni come Simon, di sicuro il centrale più forte al mondo, si sono assicurati una diagonale di schiacciatori da brividi con Leal e Lucarelli. Ma brillano anche con le nuove stelle azzurre Romanò, Scanferla e Recine.

Gli avversari

Una squadra che a guardarla così non ha punti deboli. Una vera corazzata. Che, tuttavia, potrebbe non essere ancora ben amalgamata, e che quindi, come al trofeo Astori dove ha perso prima contro Padova e poi contro Milano, potrebbe ancora balbettare un po’. Rado Stoytchev, però, si fa poche illusioni in proposito, lo aveva detto subito dopo aver alzato il trofeo al PalaGeorge di Montichiari: «Non aspettiamoci di incontrare la stessa squadra, sarà tutta un’altra cosa». E di sicuro ha ragione.

Questa sera Piacenza sarà agguerrita e seppur senza un elemento come Lucarelli, alle prese con qualche fastidio fisico, per il resto metterà in campo tutto il suo arsenale per regalare le prime soddisfazioni ai propri tifosi.

Verona alla prova del nove

Sul fronte opposto, Verona si presenterà con la fisionomia della mina vagante. Squadra polimorfa e difficile da inquadrare. Molto energica, con tanto talento, con elementi esplosivi come Mozic e Keita, ma estremamente giovane. Ci si aspetta di vedere grandi fiammate e passaggi a vuoto. Alti e bassi tipici di squadre un po’ in erba. Il talento non si discute e se entrerà in trance agonistica potrà assestare colpi mortali a chiunque.

Leggi anche
Verona volley si presenta «Siamo umili ma ambiziosi»

Finora i gialloblù, a parte le amichevoli, si sono cimentati in due tornei che, seppur di buon livello, non sono il campionato. E questa sera per la squadra di Stoytchev sarà la prova del nove per testare il proprio potenziale, ma, soprattutto, la propria tenuta psicologica. Partire bene sarà comunque fondamentale anche perché, come detto, l’avvio di stagione per WithU Verona è tremendo: dopo Piacenza, ci sarà Trento in casa e quindi, di nuovo in trasferta, Perugia. È un inizio di campionato da brividi contro tre corazzate. Se Verona riuscirà a fare punti, allora potrà prendere il volo.

Marzio Perbellini