Un gigante per Verona Qafarena vice Jensen Ora caccia all’attaccante

L’albanese  Anton Qafarena  è stato ingaggiato dal Verona Volley
L’albanese Anton Qafarena è stato ingaggiato dal Verona Volley
L’albanese  Anton Qafarena  è stato ingaggiato dal Verona Volley
L’albanese Anton Qafarena è stato ingaggiato dal Verona Volley

Adesso è ufficiale. Anton Qafarena è un giocatore del Verona Volley. Oggi è infatti in programma la presentazione dell’opposto della nazionale albanese, classe 1997 per 204 centimetri di altezza, che nell’ultima stagione ha giocato in Ucraina con il Barkom-Kazhany Lviv aggiudicandosi il campionato dopo tre anni di esperienza nella Bundesliga tedesca con i Bisons Buhl. Sarà quindi il secondo del riconfermato Mads Jensen ma sicuramente riuscirà a ricavarsi un proprio spazio in una squadra composta prevalentemente da giovani talenti che coach Stoytchev avrà il compito di far crescere ulteriormente. Quafarena è dunque il terzo volto nuovo in casa gialloblù dopo quelli dello schiacciatore diciannovenne sloveno Rok Mozic, giunto dal Maribor, e del ventisettenne centrale serbo Uros Nikolic che la scorsa stagione ha giocato nell’Ok Nis disputando anche la Coppa CEV. Per completare la rosa, oltre ad un secondo palleggiatore alle spalle di Luca Spirito che rimpiazzi Milan Peslac, partito per Ravenna, è atteso un attaccante di peso al posto di Matey Kazisky. Il trentaseienne fuoriclasse bulgaro, pur avendo ancora un anno di contratto con Verona, è infatti tornato a Trento anche se in un primo momento la trattativa sembrava essersi arenata. Matey ha firmato un accordo biennale con un club in cui ha totalizzato la bellezza di 4945 punti, record assoluto nella storia del volley trentino. Non vestirà più la maglia gialloblù nemmeno il centrale Edoardo Caneschi che la scorsa stagione ha collezionato 25 presenze siglando 140 punti di cui ben 43 a muro. E’ andato infatti a completare il reparto delle torri della Gas Sales Piacenza che sembrava aver messo le mani sul Lorenzo Cortesia, pezzo pregiato del mercato giunto invece da Trento proprio a Verona con la formula del prestito per una stagione. Un colpo last minute, come è stato definito da molti, che darà la possibilità al centrale trevigiano di poter giocare da titolare dal momento che nella compagine di Angelo Lorenzetti era un po' chiuso da due campioni riconfermati quali Lisinac e Podrascanin. Restando in tema di centrali, per Latina è partito Aidan Zingel, beniamino dei tifosi scaligeri, che ritrova l’ex capitano di Calzedonia Michele Baranowicz col quale ha alzato, nell’aprile del 2016, la Challenge Cup. Mancano dunque solo due tasselli per completare la rosa del Verona Volley. Ricordiamo che sono stati confermati, oltre al regista Luca Spirito e all’opposto Mads Jensen, i liberi Federico Bonami e Giulio Donati, i centrali Jonas Aguenier e Andrea Zanotti, gli schiacciatori Asparuh Asparuhov e Giulio Magalini.•.

Suggerimenti