Nbv, riecco Milano: l’avversario più tosto

Il muro di Verona nella sfida contro Ravenna FOTOEXPRESSUn attacco di Giulio Magalini nel match contro Padova FOTOEXPRESS
Il muro di Verona nella sfida contro Ravenna FOTOEXPRESSUn attacco di Giulio Magalini nel match contro Padova FOTOEXPRESS

Per la penultima giornata, l’avversario più tosto. L’Nbv Verona stasera alla 19 nel sesto turno dei play off per il quinto posto affronterà Milano in trasferta al Centro Pavesi, vale a dire la capolista del girone a quota 13, squadra ancora imbattuta in questa competizione e che per quanto ha fatto vedere fino a questo momento sembra essere la candidata numero uno alla vittoria finale. Evidentemente dopo aver vinto la Challenge quest’anno, vuole provare a ripetersi pure la prossima stagione guadagnando l’accesso alla competizione europea riservata a chi si imporrà in questi play off. Verona arriva alla sfida con il morale un po’ a terra. Un po’ demotivata: dopo le due belle vittorie contro Ravenna e Padova, ha sciupato, con Modena, l’occasione di incassare altri punti, scuotersi e risalire. È rimasta incagliata così in fondo alla classifica. Al momento ha sei punti ed è penultima (all’ultimo posto, sorprendentemente, c’è Vibo Valentia) e se vuole ambire a provare a rientrare nelle prime quattro per accedere alla semifinale non dovrà fare altri passi falsi. Ma l’avversario di oggi, per quanto ha fatto vedere durante la stagione fino a questo momento, ha di sicuro il favore del pronostico. Gli scontri tra le due squadre di quest’anno vedono l’Allianz in vantaggio 4-2. Milano si è imposta contro Verona agli ottavi di Coppa Italia, all’andata della regular season e in due gare del preliminare play off scudetto: la prima e poi quella decisiva, gara tre. Verona ha vinto un match nel girone di ritorno della stagione regolare, e gara due del preliminare. Oggi le squadre si affronteranno per la settima volta e di sicuro i gialloblù proveranno a fare lo sgambetto ai ragazzi allenati da Piazza. Difficile, come sempre in questa competizione, indovinare le formazioni che scenderanno in campo. I titolari in genere cambiano partita dopo partita con gli allenatori che approfittano di questo torneo per fare ampio turn over e per dare da una parte spazio a chi ha giocato di meno durante l’anno e dall’altra per provare soluzioni nuove. Verona dovrebbe partire con il solito sestetto, anche se potrebbe pure essere che stavolta Kaziyski, un po’ affaticato nell’ultimo match con Modena, parta in panchina lasciando spazio ad Asparuhov. Si vedrà. Indipendentemente da chi giocherà, il succo non cambia, i gialloblù, se voglio prolungare la stagione ancora un po’, dovranno assolutamente cercare di vincere. Sia oggi con Milano e sia domenica, al Forum, contro Cisterna, formazione che in questi play off si è rifatta, in parte, di una regular season deludente e molto al di sotto delle aspettative considerato il roster a disposizione. •

Marzio Perbellini

Suggerimenti