Nbv, che colpo di reni! Vale la semifinale

L’abbraccio finale della squadra dopo la vittoria sulla Top Volley Cisterna per 3-1 SERVIZIO FOTOEXPRESS
L’abbraccio finale della squadra dopo la vittoria sulla Top Volley Cisterna per 3-1 SERVIZIO FOTOEXPRESS

Battaglia doveva essere e battaglia è stata. Era scritto: Verona e Cisterna si sono affrontate in un match a tratti incandescente, incerto, tiratissimo, con scambi al cardiopalma, lunghissimi e spettacolari. In palio c’era la semifinale di questi play off per il quinto posto, che quest’anno hanno cambiato faccia per come sono stati interpretati dalle squadre: fiaccate da una stagione difficilissima e funestata dal Covid, le società rimaste fuori dalla corsa al tricolore si sono buttate a capo fitto in questo torneo per restare sotto ai riflettori il più a lungo possibile in una anno che è andato avanti a fatica e soprattutto senza pubblico. Finora è stata una manifestazione che ha riservato tante sorprese, ma soprattutto tanto spettacolo.

Anche ieri sera al Forum si è vista una grande pallavolo. Applausi a due squadre che si sono affrontate a viso aperto e che hanno dato fondo a tutte le proprie risorse per agguantare la semifinale. Si è imposta Verona 3-1 con un colpo di reni fenomenale nel finale del terzo e, soprattutto, del quarto infuocatissimo e incertissimo set dopo essere stata sotto e aver annullato ben 6 palle set a Cisterna, che è andata vicinissima a giocarsi il quinto tie break della sua manifestazione. I gialloblù, molto meno devastanti rispetto alla gara contro Milano, ma bravi a non cedere mai psicologicamente, e anzi a ribattere sempre punto su punto, sono passati al quarto sudatissimo match ball facendo valere, complessivamente e in particolare modo, il minor numero di errori soprattutto in attacco (3-11) e in battuta (16-25). Ma la partita è andata in crescendo: Verona, dopo aver conquistato in rimonta il primo set 25-23, dove era partita malissimo, ha subito il ritorno prepotente degli avversari nel secondo, che hanno fatto leva sulla battuta per scardinare i meccanismi di gioco di Spirito e compagni. Ma soprattutto sul gioco di Seganov, che ha distribuito continuamente il gioco alternando centrali e bande e puntando costantemente sul suo bomber Sabbi. L’opposto della Top Volley è stato protagonista di una grande partita: 30 punti con il 49% in attacco, di sicuro il m

igliore in campo se non fosse che, per consuetudine, il premio Mvp venga assegnato a un giocatore della squadra vincitrice. In questo caso a Magalini (subentrato ad Asparuhov), davvero ottimo il suo terzo set, che ha pure chiuso magistralmente. Anche se, tra i gialloblù, ancora una volta da sottolineare l’incredibile gara di Zingel (4 ace, 3 muri e l’83% in attacco). Vinta questa battaglia, adesso, di nuovo, Milano. Verona la troverà in semifinale giovedì (ore 19) al Centro Pavesi per l’ennesima sfida di stagione, l’ottava (4-3 le vittorie in favore dell’Allianz). Match che vale l’accesso alla finale dove ci sarà la vincente tra Piacenza e Modena. Sarà un’altra gara accesissima. Per Milano anche l’occasione per vendicare l’ultimo pesante ko subito nel match del girone, giovedì. Per i gialloblù un’altra chance per mostrare di che pasta sono fatti . •

Marzio Perbellini

Suggerimenti