Jensen scatenato, l’Nbv travolge Milano

L’Nbv Verona torna a sorridere con la netta vittoria contro MilanoMads Jensen in attacco: contro Milano nei play off per il 5° posto la sua migliore partita
L’Nbv Verona torna a sorridere con la netta vittoria contro MilanoMads Jensen in attacco: contro Milano nei play off per il 5° posto la sua migliore partita

Indemoniati. Mai visti così. La squadra di Stoytchev ha fatto scintille. Verona, con Asparuhov in campo al posto di Kaziyski (lasciato a riposo), al Centro Pavesi ha giocato la miglior partita della stagione. Nella penultima gara del girone dei play off per il quinto posto, in poco più di un’ora di fuochi d’artificio, ha schianto Milano, la prima in classifica(in questa manifestazione non aveva ancora perso), con un pesantissimo 3-0. Vendicando così la sconfitta subita nella bella del preliminare play off scudetto. Ieri l’Allianz non ha avuto scampo, coach Piazza le ha tentate tutte per rianimare i suoi ragazzi, ma è stato inutile. I gialloblù hanno dominato in tutti i fondamentali trascinati da un Jensen implacabile che, con i suoi 26 punti e il 69% in attacco, ha meritato il premio Mvp. Ma l’Nbv, perfettamente orchestrata da Spirito, fluido nel cambio palla e in contrattacco, si è anche dimostrata insuperabile a muro (12): con Zingel (4) e Aguenier (5) non ha dato respiro agli attaccanti di Milano, soprattutto a Ishikawa, togliendo loro progressivamente energia e determinazione. Lo dimostra il terzo set, chiuso 11-25, con Milano tramortita che si è definitivamente spenta. «A noi è andato tutto bene e a loro è andato tutto storto», il commento di Stoytchev. Analisi essenziale ma definitiva dell’incontro. Verona ora è a un punto da quarto posto che vale la semifinale. Si deciderà tutto domenica all’ultima giornata con i gialloblù che sfideranno all’Agsm Forum Cisterna. LA PARTITA. Verona, trascinata da un Jensen stellare (88% in attacco), conquista al galoppo il primo set. Si impone 19-25 dopo aver condotto dall’inizio alla fine nonostante l’Allianz avesse agganciato sul 15-15. Ma è stato un momento. All’ottimo turno in battuta di Zingel nella prima parte, ha fatto seguito quello di Spirito nella seconda e l’Nbv, sorretta da un grande muro (3-1), 2 di Aguenier e 1 di Zingel, si è imposta sui padroni di casa chiudendo il set con l’ace di Jensen. Nel secondo Verona tiene il piede sull’acceleratore e va spedita nonostante Piazza, a un certo punto, con Urnaut per Maar e Kozarmenik per Mosca, tenti di rimettersi in piedi. Ma l’Nbv è davvero agguerrita come poche volte in questa stagione: Jensen continua a martellare implacabile anche perché è servito bene e alto da Spirito, mentre Zingel e Aguenier continuano a dominare a muro (5). E Milano, che invece non ha continuità al servizio, è irriconoscibile. I gialloblù avanzano inesorabili fino al 17-25 a allo 0-2. A questo punto ci si aspetta la reazione. E invece l’Allianz nel terzo set si squaglia definitivamente. Piazza rimescola le carte: dentro Daldello per Sbertoli e di nuovo Maar, ma stavolta per Patry, con Urnaut opposto. Ma nulla da fare, Verona continua a marciare compatta. Contrattacca e difende tutto. Jensen sempre devastante e Aguenier ancora insuperabile a muro con Zingel. I gialloblù si impongono 11-25 e conquistano uno 0-3 davvero inimmaginabile alla vigilia. •

Marzio Perbellini

Suggerimenti