<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
un 34enne medico di famiglia

Mezza maratona spingendo in passeggino i suoi tre bimbi: arriva centesimo, ma è Guinness World Record

Samuele Tosadori compie l'impresa al Trento Running Festival, frantumando il precedente primato detenuto da un americano
Samuele Tosadori al Trento Running Festival con lo stroller e i suoi tre bimbi, fresco di record (Perlini)
Samuele Tosadori al Trento Running Festival con lo stroller e i suoi tre bimbi, fresco di record (Perlini)
Samuele Tosadori al Trento Running Festival con lo stroller e i suoi tre bimbi, fresco di record (Perlini)
Samuele Tosadori al Trento Running Festival con lo stroller e i suoi tre bimbi, fresco di record (Perlini)

Centesimo in 1h26’10” nella mezza maratona di Trento Running Festival, tempo che vale a Samuele Tosadori l’ingresso nel Guinness World Record. Attende solo l’ufficialità, e ci si chiede come sia possibile se il record nella halfmarathon è di 57’31”?

Il fatto curioso è che il 34enne medico di famiglia dell’Ulss 9 ha corso i 21,0975 km spingendo lo stroller dove stavano seduti i suoi tre bambini, Pietro (5 anni), Anastasia (3) e Beatrice (2), e in questa particolare specialità ha frantumando il precedente primato di 1h34'40 detenuto da un americano.

Anzi, a volerla dire tutta il dottor Tosadori partendo in coda dell'ultima griglia proprio a causa di questo passeggino a tre posti che non doveva intralciare i runner, il tempo che ha impiegato a passare sotto al via e poi giungere all'arrivo è di 1h25’28”; è stato festeggiato dalla moglie Giulia insegnante elementare che ha seguito la gara incitando il runner veronese insieme ai compagni della KmSport e all'allenatore Dario Meneghini che lo segue.

Come ha confezionato questo risultato? “Torniamo un po' indietro a tre anni fa, ero al mare con la famiglia e decisi di iscrivermi alla corsa dei ponti a Venezia: su 4mila partenti arrivai millesimo e li decisi che dovevo fare sul serio. Mi iscrissi alla KmSport per mettermi nelle mani di un professionista ed essere esempio a quei pazienti che non vogliono fare attività sportiva, importante per curare alcune malattie, giustificando che non hanno tempo. Qualche ora la settimana si trova sempre, e pensai che la mia passione non doveva pesare su mia moglie che già lavora e in mia assenza avrebbe avuto un doppio carico, casa e figlie. Così comprai una carrozzina adatta per farci stare i bambini ed ho scoperto quanto fosse bellissimo correre con loro che mi spronano a non fermarmi”.

Per provare a superare il record, la carrozzina a tre deve rispettare alcune caratteristiche imposte dal Guinness World Record. “Speravo di farmene costruire una artigianalmente da Tagliaro, il negozio di biciclette di Colognola ai Colli, ma il progetto non venne accettato. Una collega trovò lo stroller a otto ore da casa sua e me la recapitò”.

Accettata l’iscrizione lo scorso aprile, Samuele Tosadori calibra il peso dei suoi tre figli e seguendo la tabella di allenamento del tecnico Meneghini, spinge la carrozzina avanti e indietro lungo percorsi asfaltati, fuori dal traffico e in piena sicurezza.

“Sono tre bambini stupendi che si divertono tantissimo a farsi spingere, anche quando ci fermiamo al semaforo rosso continuano a chiacchierare e a farmi domande, il problema è rispondere loro quando il fiato è corto per le ripetute: venerdì all’allenamento defaticante ho incontrato un amico che voleva salutarmi, ma io ho dovuto tirare dritto”.

A congratularsi Giovanni Groff presidente del Guinness Club 92 di Trento che riunisce i detentori di primati Guinness in Trentino.

Anna Perlini

Suggerimenti