<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
FOOTBALL AMERICANO

Redskins, beffa all'ultimo minuto: i Saints puniscono i «pellerossa»

di Francesca Castagna
Finisce 24-6: risultato troppo severo di fronte al lavoro della squadra, che sta dando i suoi frutti a livello di gioco e di mentalità
Redskins, niente da fare contro i Saints
Redskins, niente da fare contro i Saints
Redskins, niente da fare contro i Saints
Redskins, niente da fare contro i Saints

Buon atteggiamento, buona partita. Il risultato non premia i Redskins, che nella trasferta contro i Saints Padova escono sconfitti per 24-6, ma il percorso intrapreso, complicato e fin qui avaro di sossidfazioni, sta dando i suoi frutti a livello di gioco e di mentalità.

Il problema delle linee troppo morbide da bucare si presenta, come già altre volte, sul primo touchdown dei Saints. Che, però, non demoralizza i Redskins, bravi a serrare i ranghi e concedere poco agli avversari, solo un field goal nel secondo quarto. I Redskins mettono anche in mostra alcuni spunti interessanti, come il buon movimento di avvicinamento di Niccolò Gaspari, che si conclude però in un nulla di fatto. C’è anche l’occasione di accorciare con un field goal, che però va fuori di poco più di un metro.

Resta il fatto che, all’intervallo, il risultato di 10-0 è ancora aperto, e al rientro in campo i Redskins danno prova di essere in partita con una grande azione difensiva che frutta un intercetto di Passarin, per il touchdown, non trasformato, del 10-6. I Saints Padova rispondono bene, trovano a loro volta un buon avvicinamento e poi la breve corsa di Longo che riporta i padroni di casa in vantaggio.

Come una beffa, propiziato da una chiamata arbitrale controversa, arriva all’ultimo minuto il terzo e ultimo touchdown dei Saints, per il 24-6 finale che punisce troppo severamente i Redskins, in una partita ben giocata e combattuta.

Suggerimenti