L'uscita di «Dolce Roma»

Valentina Bellè al cinema in stile Tomb Raider «Ma sono la Lara Croft dei poveri»

L'uscita di Dolce Roma
Lorenzo Richelmy e Valentina Bellè (instagram @valebelle)
Lorenzo Richelmy e Valentina Bellè (instagram @valebelle)
Il trailer di Dolce Roma

L'attrice veronese Valentina Bellè torna sul set in uno dei film più particolari e attesi del momento.

Si tratta di Dolce Roma, in uscita oggi giovedì 4 aprile, un film prodotto e interpretato da Luca Barbareschi, diretto da Fabio Resinaro, con Luca Richelmy e appunto la Bellè, che su Instagram scherza: «Eccomi in versione Tomb Raider dei poveri».

Un film che si annuncia coraggioso e originale, che racconta il mondo del cinema, ma non solo, nell'Italia di oggi.

 

 

L'INTERVISTA: «Appena posso torno a Verona, la mia famiglia è la migliore del mondo»

 

Lo spunto è dato dal libro Dormiremo da vecchi di Pino Corrias e racconta la storia di uno scapestrato sceneggiatore che riesce a convincere a produrre il proprio film lo spregiudicato Oscar Martello (interpretato da Barbareschi, la cui moglie sul set è Claudia Gerini), un personaggio ambiguo e irruento che per creare una maggiore attesa attorno al film (che si preannuncia modesto) decide (attenzione allo SPOILER) di inscenare il rapimento da parte della camorra della protagonista, appunto la Bellè, che poi si troverà coinvolta in imprevedibili e sorprendenti scene di azione.

Un film di ironica denuncia sul cinema italiano che rischia di diventare un piccolo «caso» simile a quello nato attorno a a «Lo chiamavano Jeeg Robot»

Riccardo Verzè