Storie di Passeggeri notturni Le mille facce della giustizia

Una parte del cast di Passeggeri Notturni
Una parte del cast di Passeggeri Notturni

Il tema della giustizia esplorato nelle sue molteplici sfaccettature attraverso la narrazione che ne fa il personaggio protagonista, Enrico (Claudio Gioè), conduttore radiofonico di una trasmissione serale in cui gli ascoltatori raccontano le proprie vicende personali. Arriva in prima serata su Rai3, stasera alle 21.25, «Passeggeri notturni», per la regia di Riccardo Grandi, dai racconti di Gianrico Carofiglio, già disponibile a episodi su RaiPlay dal 25 febbraio. Tratta dalle raccolte di Carofiglio «Passeggeri notturni» e «Non esiste saggezza», la serie diventa un film a capitoli della durata di 90 minuti. Affronta il tema della violenza sulle donne e della giustizia in tutte le sue sfaccettature attraverso le difficili scelte morali dei numerosi personaggi, interpretati da un prestigioso cast di attori, tra cui Gian Marco Tognazzi, Marta Gastini, Paolo Sassanelli, Alessandro Tiberi, Alessio Vassallo, Giampiero Judica, Ivana Lotito, Paolo De Vita, Caterina Shulha. Un racconto psicologico e letterario unito a temi contemporanei in un intreccio noir, per un adattamento intrigante ed attuale della narrativa di Carofiglio, che ha collaborato personalmente al progetto come supervisore editoriale. È una produzione Anele in collaborazione con Rai Fiction. Enrico (Gioè), conduttore radiofonico di una trasmissione di grande successo, intrattiene il suo pubblico raccontando le storie degli ascoltatori. Sulla serie ha detto in occasione della presentazione: «Enrico introduce ogni episodio dal suo studio di registrazione ed è sempre lui che vivendo la storia principale conduce il telespettatore nelle storie degli altri. L’incontro con una donna misteriosa, Valeria (Grimaudo) su un treno, che Enrico intuisce nascondere qualcosa, forse un grande dolore, cambierà radicalmente la vita del nostro protagonista. È stato un piacere ed una gioia prendere parte a questo lavoro che mi ha davvero interessato e appassionato». Nicole Grimaudo ha fatto notare: «Carofiglio ha una scrittura di riguardo per le figure femminili. Capiremo dal primo incontro con Enrico, il mio personaggio, che Valeria nasconde una storia di dolore». •