<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
VIDEO

Cent'anni di Arena, il Festival lirico si presenta a Roma: «Orgogliosi dei risultati»

di Luca Mazzara
Un cartellone degno del traguardo raggiunto, i cento anni di rappresentazioni in Arena.
Cecilia Gasdia
Cecilia Gasdia
Intervista a Gasdia

Le opere più amate di sempre e alcuni degli artisti più acclamati al mondo. Un cartellone degno del traguardo raggiunto, i cento anni di rappresentazioni in Arena.

È stato presentato a Roma il programma del festival lirico in programma nell'anfiteatro scaligero dal 16 giugno al 9 settembre. Si parte con una prima da non perdere, una nuova produzione dell'Aida di Verdi trasmessa in mondovisione, solo l'apertura di una rassegna che comprenderà anche Carmen, Il Barbiere di Siviglia, Rigoletto, La Traviata, Nabucco, Tosca e Madama Butterfly oltre a cinque speciali tra cui la serata con coro e orchestra del Teatro alla Scala.

Cinque anni difficili e una grande ripartenza

«Sono stati cinque anni difficili, considerati i due di pandemia nel cuore del mandato, ma siamo orgogliosi dei risultati raggiunti assieme a tutta la nostra grande squadra, sarà un festival all'altezza del grande traguardo dei cento anni», ha detto la sovrintendente della Fondazione Arena Cecilia Gasdia.

Di fianco il vicedirettore artistico Stefano Trespidi: «Sarà un grande compleanno per il nostro antiteatro, un omaggio alla storia dell'Arena, un unicum che il mondo intero di invidia». Tantissimi nomi di grido, dalla star Anna Netrebko a Vittorio Grigolo, da Juan Diego Florez a Nadine Sierra e molti altri ancora, artisti da tutti riconosciuti tra i migliori al mondo.

Suggerimenti