Il duo Ooopopoiooo
tra pop e avanguardia

Valeria Sturba e Vincenzo Vasi, ovvero gli Ooopopoiooo
Valeria Sturba e Vincenzo Vasi, ovvero gli Ooopopoiooo
Valeria Sturba e Vincenzo Vasi, ovvero gli Ooopopoiooo
Valeria Sturba e Vincenzo Vasi, ovvero gli Ooopopoiooo

Tra musica pop, avanguardia, improvvisazione e suoni sintetici stasera alle 21,30 fa tappa al Dolcevino di Castelnuovo del Garda (in via Manzoni, 23) lo spettacolo di arte varia del duo Ooopopoiooo, ovvero Vincenzo Vasi (theremin, basso, voce, elettronica, flauto a naso, giocattoli) e Valeria Sturba (violino, theremin, voce, elettronica, loop, giocattoli), una formazione tra le più interessanti nel panorama italiano odierno. Il loro lavoro vede come protagonista il theremin (strumento del quale sono entrambi virtuosi e massimi esponenti) sul quale, attraverso l’interazione con altri strumenti, creano paesaggi musicali molto diversificati ma anche numerosi momenti all’insegna del puro intrattenimento e della demistificazione.

La scaletta di stasera è stata immortalata nel recentissimo loro disco eponimo, uscito per la Tremoloa Records, anche se dal vivo aggiungono oltre ai loro pezzi anche alcuni ripensamenti dello Stabat Mater del Bolero o di Lil Darling di Neal Hefti. Vincenzo Vasi - che molti conosceranno soprattutto per la sua presenza stabile al theremin nelle band di Vinicio Capossela - è un polistrumentista, compositore versatile e dallo stile surreale, ma anche uno tra i musicisti più eclettici nell’ambito delle musiche eterodosse e sperimentali. Il suo stile spazia trasversalmente toccando vari generi, dalla sperimentazione elettronica sino al pop d’autore. Attivo sin dal 1990 nell’ambito della musica di ricerca con diversi progetti tra i quali, Trio Magneto, Ella Guru, Gastronauti, Switters, Orchestra Spaziale, Etherguys, ha preso parte a più di sessanta incisioni discografiche. Collabora regolarmente oltre che con Vinicio Capossela, anche con Mike Patton, Remo Anzovino, Mauro Ottolini e Roy Paci che è stato il produttore dell’album Vince Vasi Qy Lunch (Etnagigante / v2). Gli orizzonti musicali di Valeria Sturba spaziano dalla musica d'autore al rock al tango, dall'improvvisazione all'elettronica, conservando una forte propensione per il minimalismo. Ha preso parte a incisioni discografiche, rimusicazioni di film muti, registrazioni di colonne sonore e reading registrando e suonando dal vivo con Ermanno Cavazzoni, Tristan Honsinger, Enrico Gabrielli, Mauro Ottolini, Stefano Benni, Enrico Fazio, Filippo Monico, Sebastiano De Gennaro, Edoardo Marraffa.L.S.