il racconto nel suo documentario

Brooke Shields choc al Sundance festival: «A inizio carriera sono stata violentata»

L'attrice americana, star negli anni Ottanta e protagonista del celebre «Laguna Blu»: «Pensavo che il mio "no" dovesse essere sufficiente. E pensai solo: "Cerca di sopravvivere e venirne fuori"»
Brooke Shields negli anni Ottanta in «Laguna Blu» e oggi
Brooke Shields negli anni Ottanta in «Laguna Blu» e oggi
Brooke Shields negli anni Ottanta in «Laguna Blu» e oggi
Brooke Shields negli anni Ottanta in «Laguna Blu» e oggi

Brooke Shields, la star anni Ottanta splendida protagonista di «Laguna Blu», ha rivelato di essere stata stuprata. Lo ha raccontato in «Pretty Baby: Brooke Shields», documentario presentato in anteprima al Sundance Film Festival, festival del cinema in corso negli Usa.

L'attrice americana sarebbe stata violentata all'inizio della carriera a Hollywood: la giovane credeva che si trattasse di un incontro di lavoro invece l'uomo, di cui Shields non svela l'identità - la invitò al suo albergo. Con la scusa di voler chiamare un taxi per lei dalla sua stanza, andò in bagno, ne uscì nudo e la violentò.

«Ero assolutamente congelata», le parole dell'attrice. «Pensavo che il mio "no" dovesse essere sufficiente. E pensai solo: "Cerca di sopravvivere e venirne fuori"». 

 

Cliccando sul tasto “Abbonati” potrai sottoscrivere un abbonamento a L'Arena e navigare sul sito senza accettare i cookie di profilazione.

Se preferisci invece continuare ad avere accesso gratuito a parte dei contenuti del sito, sostenendo comunque il lavoro dei giornalisti, tecnici e grafici de L'Arena, accetta i cookie di profilazione cliccando "Accetta e continua": ti verranno mostrati annunci pubblicitari in linea con i tuoi interessi. Per maggiori informazioni, consulta la nostra Cookie Policy.

Abbonati