Bastione di San Bernardino

Stu Larsen, il cantautore australiano a «Mura Festival»

Stu Larsen
Stu Larsen
Stu Larsen
Stu Larsen

Il cantautore australiano Stu Larsen fa oggi, giovedì, una tappa a Mura Festival, alle 21, con ingresso gratuito. Ad aprire il concerto l’esibizione in acustico, chitarra e voce, della giovane cantante veronese dallo stile pop/folk, Diletta Marzano. A partire dall’EP di debutto The Black Tree, il cantautore spiega: «Nel 2014 e 2015 ero un vagaband, un nomade e un avventuriero», racconta. «2017 e 2018 sono stati anni più stabili: mi sono creato una sorta di routine nel tipo di vita che ho scelto. Continuavo a viaggiare ed esplorare, ma ho imparato a conoscermi meglio. Il 2019 mi ha visto alla ricerca del vero amore, di una felicità e una connessione col mondo genuina e non solo romantica».

 

Durante i concerti, il cantautore vagabondo originario del Queensland presenterà Marigold, uscito ad aprile 2020 per Nettwerk Records. Gli undici brani che lo compongono parlano del progresso di Stu. Nel periodo tra questo lavoro e il precedente Resolute, Larsen si è innamorato e ha avuto il cuore spezzato, fatto che gli ha consentito di trovare l’ispirazione. «Penso che queste canzoni siano più personali di ogni altra. Parlano di come mi sia innamorato perdutamente di qualcuno che è entrato nella mia vita ed è scomparso dopo poco. Sono molto legato al messaggio e alle emozioni che trasmette. Ho scritto on the road da ogni parte dall’Europa dell’Est al Sudamerica. La lezione che ho imparato da tutta la situazione è che l’amore è veramente un mistero».

 

Mura Festival è un progetto promosso dal Comune di Verona - Assessorato Unesco - e realizzato da Studioventisette. Doc Servizi Verona è uno dei partner principali della manifestazione che vede la partecipazione di più di 50 enti e associazioni del territorio veronese con più di 689 appuntamenti per 168 giorni di attività. Mura Festival è cultura, teatro, attività per i più piccoli, musica live, street food, degustazione e altro. Un’occasione per ripartire in sicurezza dai parchi all’interno delle mura cittadine, che hanno fatto sì che l’Unesco, nel 2000, decretasse Verona come sito Patrimonio dell’Umanità. Mura Festival, sottolinea una nota, si svolgerà in sicurezza e seguirà la vigente normativa anticovid-19. Per accedere all’area food and drink non è necessario presentare il green pass. Il Festival animerà 5 aree del parco delle mura: Il Bastione di San Bernardino, il Bastione di San Zeno, il Bastione delle Maddalene, Porta Fura e Prato di Castel San Felice per tutta l’estate 2021.

 

L’ingresso all’area della manifestazione è sempre gratuito e alcune delle attività sono fruibili previa iscrizione. Il calendario di appuntamenti e attività, in costante aggiornamento è disponibile sul sito www.murafestival.it. L’area food, wine and drink è aperta dal 24 maggio, dal lunedì alla domenica dalle 18 alle 24. Questo weekend l’area food sarà aperta anche a pranzo dalle 12 alle 15.

Suggerimenti