Stasera a Legnago

Salieri Festival: viaggio da Rota a Paoli con l'Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana

.
Diego Basso dirige l'Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana
Diego Basso dirige l'Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana
Diego Basso dirige l'Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana
Diego Basso dirige l'Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana

È un binomio da sempre inscindibile quello tra amore e musica. Un intreccio che nei secoli non si è mai sciolto, tanto da ispirare compositori di ogni epoca che attraverso il pentagramma, ciascuno con il proprio sentire e la propria sensibilità artistica, sono riusciti ad evidenziarne ogni sfumatura offrendo pagine musicali indimenticabili. Saranno proprio “I grandi temi d’amore” ad inaugurare stasera (4 maggio), alle 21, al teatro Salieri di Legnago, l’edizione 2022 del «Salieri Festival», promosso dalla Fondazione culturale Antonio Salieri con il contributo e la collaborazione del Comune: un cartellone di oltre venti rappresentazioni, con cinque prime nazionali, e sedici compagnie, di cui cinque estere, che si snoderà tra musica, teatro, danza e new circus.

In prima nazionale sarà anche questo primo evento, concepito dal direttore artistico del “Salieri Festival”, il maestro Diego Basso, come un viaggio da Antonio Salieri ai giorni nostri, che dalle arie d’opera, passando per la "nuova romanza italiana" di Francesco Sartori e le colonne sonore da film di Ennio Morricone e Nino Rota, arriverà fino a pezzi entrati a pieno titolo nella storia della musica leggera italiana, firmati da cantautori ed interpreti come Lucio Battisti, Franco Battiato, Gino Paoli e Ron. Ad accompagnare il pubblico in questo itinerario nel tempo, dove musica e amore si nutrono vicendevolmente l’una dell’altro, sarà l’Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana, diretta dallo stesso Basso, sul palcoscenico insieme alle voci di Art Voice Academy ed al soprano Claudia Sasso.

«Non è un caso - spiega il maestro Basso – che il Festival, intitolato a Salieri, sia inaugurato da un concerto che prende il “la” dai suoi componimenti. Lo spettacolo è concepito non solo come un omaggio a lui e alla città che gli ha dato i natali, ma anche come un’ulteriore presa di coscienza della bellezza delle sue opere. Il binomio tra amore e musica, che proseguirà con altri autori, ci porterà a confrontarci con un caleidoscopio di epoche, stili e generi il cui comune denominatore sarà sempre e solo il “folle rapporto” tra il sentimento amoroso e le partiture».

L’Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana, fondata dal direttore Basso nel 2004, è composta da circa 100 elementi e vanta una sezione Young, con musicisti tra i 18 e i 25 anni. Considerata una delle migliori formazioni in ambito musicale pop rock sinfonico, è impegnata anche in un repertorio d’arie d’opera e tiene regolarmente concerti in diverse località, teatri italiani e internazionali senza trascurare un costante impegno in produzioni televisive. Altro progetto di Basso è il coro pop Art Voice Academy, legato al centro di alta formazione per lo spettacolo nato nel 2003 a Castelfranco Veneto, nel Trevigiano.

Claudia Sasso, soprano originaria di Bordighera, vicino ad Imperia, oltre ad aver calcato palcoscenici internazionali tra i quali il Kennedy Center di Washington D.C, negli Stati Uniti, vanta collaborazioni importanti come quella con la Fondazione Pavarotti.

Info e prenotazioni allo 0442.25.477 oppure su www.salierifestival.it.

Elisabetta Papa