<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=336576148106696&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
22 aprile

«Nessun Pianeta B», un brano per dare voce a tutti i mari del globo

di Francesca Saglimbeni
Scritto dagli artisti Corally (all’anagrafe Camilla Fascina), cantante vicentina impegnata nella causa a favore della tutela delle acque marine, e Alex Fusaro, cantautore veronese, coinvolge il Piccolo Coro TAB. Il 22 aprile si presenta il videoclip
Il Piccolo Coro TAB con Alex Fusaro e Corally
Il Piccolo Coro TAB con Alex Fusaro e Corally
Il Piccolo Coro TAB con Alex Fusaro e Corally
Il Piccolo Coro TAB con Alex Fusaro e Corally

In occasione della Giornata Mondiale della Terra di lunedì 22 aprile, la musica incontra il mare. Lo fa in un brano made in Veneto, dal titolo «Nessun Pianeta B», appositamente scritto dagli artisti Corally (all’anagrafe Camilla Fascina), cantante vicentina impegnata nella causa a favore della tutela delle acque marine, e Alex Fusaro, cantautore veronese, con all’attivo un vasto repertorio di composizioni soprattutto per giovani voci.

Il nuovo progetto ha coinvolto il Piccolo Coro TAB (del Teatro Antonio Bellon, Milano Brianza), chiamato a trasmettere l’importante messaggio della tutela ambientale a tutte le fasce d’età, a partire dai più piccoli che sono appunto il futuro della nostra società. Una musica che, attraverso la profondità delle emozioni disegnate – quasi come onde – dalle melodie della partitura, vuole portare in superficie l'attenzione per gli ecosistemi marini. L’oceano ospita infatti il secondo grande polmone della terra e ci dona il 70% dell’ossigeno che respiriamo.

«E se il nostro respiro arriva dal mare, anche il nostro canto arriva dal mare», dicono gli autori della canzone, che racconta il rapporto di interdipendenza tra l’essere umano e le specie marine, e che il 22 aprile sarà presentata in anteprima al Comune di Milano tramite il videoclip realizzato James D. Dawson della Dawson Film, in cui i piccoli interpreti daranno coralmente voce a tutti i mari del globo, insieme agli autori.

Il progetto ha inoltre una seconda finalità benefica in quanto parte dei diritti editoriali di “Nessun Pianeta B” sarà devoluto all’associazione no profit Sea Shepherd, per la difesa, conservazione e protezione del mare con campagne di azione diretta contro la pesca illegale. 

Suggerimenti