Stasera a Santa Teresa

Mosaika, folk dal mondo per dire no al razzismo

Mosaika
Mosaika

In onore della 16a settimana contro il razzismo, il gruppo di associazioni raccolte intorno al nome “Nella mia città nessuno è straniero” presenta questa sera un concerto al teatro Santa Teresa di Borgo Roma con l’Orchestra Interculturale Mosaika. Ad accompagnare la musica, una serie di reading di Ermanno Regattieri e Andrea De Manincor.

 

«L’orchestra Mosaika raggruppa musicisti da tutto il mondo, con esperienze completamente diverse, in modo da creare un vero scambio di culture e vedute» spiega Renzo Segala, presidente dell’associazione Mosaika nonché clarinetto basso del gruppo. «Suonano nell’orchestra molti musicisti stranieri che vivono a Verona, e spesso sono dei professionisti di altissimo livello». È il caso, per esempio, di Denise Dimè, cantante camerunense che ha accompagnato in tour Zucchero. Oppure del percussionista Ernesto Da Silva e del chitarrista Rey Manè, entrambi della Guinea Bissau. Del bassista cubano Carlos Cuesta. O ancora dell’arpista Diane Peters, originaria dell’Australia e autrice di alcuni dei brani originali che l’Orchestra Mosaika suonerà domenica.

 

Il genere è folk: musica popolare dal mondo, che subisce influenze e contaminazioni diverse, passando, anche in uno stesso brano, dalla tradizione dei Balcani a quella mediorientale, per poi virare verso l’America Latina e tornare in Italia. In particolare, una recente collaborazione con la Cantina Sociale di Negrar ha dato il via a una nuova linea di ricerca. «Per il prossimo concerto, oltre a musiche yiddish e originali, abbiamo scovato nel repertorio veronese del 1500 dei brani di Bartolomeo Tromboncino e li abbiamo completamente rielaborati» racconta Segala. «Per esempio, dato che uno di questi brani aveva gli stessi accordi di un brano tradizionale africano, partiremo con un’introduzione tipica della musica barocca per poi finire nel bel mezzo dell’Africa». La serata inizia alle 20.45. È necessario prenotarsi inviando una mail all’indirizzo eventi@cestim.it. •

Giovanna Girardi

La posta della Olga