Stasera l’unica data non rinviata dalla produzione

Mika, in Arena per i fan: «Tutti vestiti a festa»

Il suo «Concerto speciale di fine estate» diventa l'unica occasione di ascoltare il cantante
Stasera in Arena l’unica data confermata di Mika
Stasera in Arena l’unica data confermata di Mika
Stasera in Arena l’unica data confermata di Mika
Stasera in Arena l’unica data confermata di Mika

Tutto rinviato, ma non l’Arena. E così, se mai ce ne fosse stato davvero bisogno, l’appuntamento di Mika di questa sera all’anfiteatro assume i contorni di una notte ancora più magica. Il suo «Concerto speciale di fine estate» segnerà la conclusione della stagione più calda sussurrando all’anima con uno show destinato - per forza di cose - ad essere irripetibile e per questo unico. Gli ultimi biglietti per il concerto sono ancora disponibili.

La cancellazione del tour

«The magic piano tour» sarebbe dovuto andare in scena tra settembre ed ottobre, ma la produzione, nelle settimane scorse, aveva annunciato il rinvio di tutte le date per motivi «di carattere organizzativo». Centrale la questione di, così come è stato spiegato, «non voler deludere il proprio pubblico» e, soprattutto, «non sacrificare lo standard dello show». Fra i concerti rinviati, invece, è rientrato quello che si sarebbe dovuto tenere ieri al Filarmonico. Tutti rinviati a data da destinarsi sì, tranne quello di stasera.

Il «dress code» da festa

Sarà una grande festa per i fan che hanno aspettato così tanto per riabbracciarlo. La connessione tra artista e pubblico, l’energia e l’intensità delle performance la faranno come sempre da padroni, ma lo show si colorerà di vibrazioni del tutto nuove e straordinarie. Quella di stasera, in pieno stile Mika, sarà un’esplosione di colori e adrenalina. Ma il pubblico non sarà «semplice spettatore». La richiesta dell’artista, infatti, è che tutti vengano all’Arena vestiti come se dovessero andare ad una vera festa. L’appuntamento in Arena, per altro, era già stato rinviato, nel 2020, per la pandemia.

Dalla guerra civile alla musica

Michael Holbrook Penniman Jr., in arte Mika, oggi è uno dei cantanti più conosciuti al mondo. Al netto del tour rinviato, Mika, è reduce da una tournée mondiale che in appena dodici mesi lo ha portato dall’Eurovision al Coachella Valley Music, in California, e poi ovunque fra Stati Uniti e Canada.

La storia del cantante - noto nel nostro Paese anche per essere stato uno dei giudici del programma tv Xfactor - è di quelle complicate. Nato a Beirut da madre libanese e padre americano la sua è stata un’infanzia difficile, segnata dalla guerra civile. Poi il trasferimento a Parigi nel 1984, e quindi la musica.

Sono dieci gli album pubblicati dall’artista, tra quelli registrati in studio, live e raccolte. Il suo primo disco è del 2007 «Life in cartoon motion», album in cui è contenuta anche Grace Kelly, che poi venderà ben sette milioni di copie. Il secondo singolo estratto, invece, è di quelli che fa letteralmente il giro del mondo: Relax, take it easy. Seguono poi Love today e Happy Ending. Nel 2009 pubblica The boy who knew too much, con il singolo We are golden. The origin of love è del 2012, No place in heaven del 2015 e My name is Micheal Holbrook nel 2019. L’appuntamento è per stasera in Arena.

Leggi anche
Mika, tour rinviato. Confermata la sola data in Arena

Nicolò Vincenzi