Mostra fino al 7 novembre

Incontri d'arte, mostra a Negrar

Mostra fino al 7 novembre
Incontri d'arte a Negrar (Madinelli)

Alla faccia del Covid-19. Il desiderio di portare pittura, scultura e altre forme espressive in Valpolicella resiste alle difficoltà del momento e si dimostra più forte delle norme anti contagio e delle disposizioni per la sicurezza che rendono complicato allestire eventi aperti al pubblico.

Prosegue fino al 7 novembre la mostra Incontri d’arte, allestita dallo scorso 3 ottobre negli spazi di Miondesign a Negrar con l’esposizione delle pittrici Mara Isolani e Marisa Spinelli e dello scultore Enrico Faccio. Doveva tenersi la scorsa primavera, ed era tutto pronto. Ma la pandemia l’ha tenuta ferma ai box. Ora gli artisti coinvolti nel progetto e Luca Mion, titolare dello showroom, si rimettono in pista più convinti che mai.

 

“Desidero portare la bellezza dell’arte a due passi da casa dei negraresi” rivela Mion in merito all’allestimento. “Sto lavorando con molti artisti per far sì che gli eventi si moltiplichino.” Quadri e sculture sono sistemati in ambienti reali, tra mobili e oggetti di design, non esposti sulle fredde pareti di una galleria, per fare in modo che le persone si sentano più vicine all’arte e siano stimolate ad avvicinarla senza timori. Inoltre, alla base dell’idea c’è che le esposizioni creative non siano prerogativa solo della città. L’idea di Mion, infatti, è usare lo showroom per diffondere in via continuativa l’arte. A Negrar Isolani propone le ultime opere della serie “Visioni urbane”, Spinelli espone i suoi soggetti tratti dalla vita quotidiana dipinti con tecnica iperrealista; Faccio, autodidatta, lavora il ferro battuto dando mirabilmente voce alla propria anima. In osservanza delle norme anti Covid, la mostra può essere visitata a ingresso libero dal martedì al sabato dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19. Ogni sabato, inoltre, sono presenti gli artisti.

Camilla Madinelli

La posta della Olga