Ancora più bello, una favola tra Torino e Parigi

Al cinema seconda parte della trilogia e ora in arrivo serie tv
(ANSA) - ROMA, 14 SET - Davvero delizioso questo ANCORA PIÙ BELLO di Claudio Norza, sequel di SUL PIÙ BELLO, che era andato benissimo al box office prima che la pandemia chiudesse le sale, e seconda parte di una trilogia scritta e prodotta da Roberto Proia. Protagonista assoluta Marta (una bravissima Ludovica Francesconi), quasi un'Amelie, che interpreta una ragazza malata (ha la fibrosi cistica), allegra e vitale che condivide la sua casa torinese con due amici, Federica (Gaja Masciale) e Jacopo (Jozef Gjura). Distribuito dal 16 settembre da Eagle in 320 copie, questo film inizia esattamente dodici mesi dopo il primo, quando la storia tra Marta (Ludovica Francesconi) e Arturo è finita. Ma la solitudine di Marta si interrompe quando arriva Gabriele (Giancarlo Commare), giovane disegnatore dolce, buffo e insicuro. Marta pensa che potrebbe essere lui quello giusto, ma a un certo punto Gabriele trova lavoro a Parigi e tra di loro si rompe qualcosa per la gelosia di lui. Mentre Federica e Jacopo mettono mano a lavoro e sentimenti e tutto sembra andare storto, arriva una telefonata dall'ospedale che cambia tutte le priorità. "L'uso mirato del colore e della fotografia contribuiscono a stemperare la drammaticità della storia a favore di una visione più favolistica e leggera - dice Claudio Norza -, andando verso i toni del cinema francese di Jeunet o di alcuni film di Wes Anderson. Ancora più bello è una bellissima storia, moderna e romantica, e Marta un meraviglioso personaggio che sono sicuro entrerà ancora di più nel cuore del pubblico. Il suo coraggio nell'affrontare la vita col sorriso e con la leggerezza dei vent'anni la rende unica, una piccola eroina impegnata nella sua personale battaglia per sopravvivere ed essere felice". (ANSA).
GAL-MAJ

Suggerimenti