None

Il Festival del Garda farà tappa in Abruzzo

CASTELNUOVO. Presentata la quattordicesima edizione del tour canoro. Dodici le serate previste: il via sabato a Lazise


Una serata spettacolo tra le tendopoli per ringraziare tutti i soccorritori. L’attore Beppe Convertini presenterà il concorso
Una delle passate edizioni del Festival del Garda Da sinistra, Beppe Convertini, Enzo Miceli e Vince Tempera
Una delle passate edizioni del Festival del Garda Da sinistra, Beppe Convertini, Enzo Miceli e Vince Tempera
Una delle passate edizioni del Festival del Garda Da sinistra, Beppe Convertini, Enzo Miceli e Vince Tempera
Una delle passate edizioni del Festival del Garda Da sinistra, Beppe Convertini, Enzo Miceli e Vince Tempera

Castelnuovo. Non solo Benaco. Il Festival del Garda, manifestazione itinerante giunta alla XIVa edizione, scatta sabato a Lazise e, tra una tappa e l'altra, vola (martedì 4 agosto), nella Piana di Rojo ad Aquila. Nella martoriata terra abruzzese la carovana d'artisti, in collaborazione con i Grandi Festival italiani, Baldofestival Ragazzi, Un fiume di solidarietà di canoa, e Garda Lake Marathon, organizzerà uno spettacolo-testimonianza per la popolazione colpita dal terremoto nell'aprile scorso. Un'iniziativa promossa per ringraziare idealmente i volontari della Protezione civile e tutti i soccorritori che si prodigano in quelle terre e per testimoniare la vicinanza della gente benacense alla popolazione abruzzese. L'idea, scaturita da Bruno Panziera, presidente dell'Adigemarathon Terradeiforti di canoa, ha subito trovato terreno fertile nel patron del Festival del Garda Enrico Bianchini che ha deciso di costruire un «asse» Garda-Abruzzo.
Una novità che si inserisce all'interno della collaudata manifestazione presentata ieri nella sala Corsari di Gardaland Hotel Resort alla presenza anche del sottosegretario Aldo Brancher, dell'assessore provinciale Ruggero Pozzani, dei sindaci di Torri, Lazise e Bardolino, di Pino Greco, presidente del consorzio «Lago di Garda è», e di Antonio Pasotti, presidente dell'Ugav.
La formula permette ai giovani di avere un palcoscenico tutto per loro in un contesto d'intrattenimento ricco di contenuti artistici in grado di catalizzare l'attenzione di un pubblico eterogeneo alla ricerca di un paio d'ore di svago cullati da noti musicali, bellezze in passerella e dalla dirompente simpatia di comici (Carlo Bianchessi, Roberto De Marchi, Lucio Gardin, Gabriele Gentile, Roberto Valentino, Giorgio Zanetti, Giusy Zenere). A condurre le dodici serate (Lazise, Montichiari, Torri del Benaco, Peschiera, Limone, Torbole, Monzambano, Bardolino, Toscolano, Cavaion, Desenzano, Garda) Beppe Convertini, già protagonista in fiction e soap opera come «Vivere», pronto a lasciare spazio a Laura Zambelli ed Elisabetta de Medico presentatrici di Miss del Garda. Concorso di bellezza che ha come testimonial Matteo Tosi, noto per aver recitato nella fiction di Rai Uno, Incantesimo 10, dove interpretava il ruolo di Giulio Solari. «Dopo tante conduttrici donne Bianchini ha deciso di dare spazio a un volto maschile che spero sia gradito al pubblico femminile», ha detto Convertini.
Essenza del Festival del Garda è il concorso canoro, suddiviso nella sezione Interpreti (riproposizione di cover) e Nuove Proposte (canzoni inedite), che si fregia della supervisione del direttore musicale Vince Tempera, protagonista a Canale 5 di «La Corrida» di Gerry Scotti. «Sono sempre attento ad aiutare i nuovi talenti ad emergere: speriamo di trovare qualcuno da lanciare a livello nazionale», si è augurato Vince Tempera, che si avvale della collaborazione del produttore discografico Enzo Miceli, talent scout di Irene Fargo e Daniele Silvestri.
Sono 24 i ragazzi, provenienti da varie parti d'Italia, giunti al Festival dopo una lunga selezione: si alterneranno nelle varie tappe finché sarà decretato il vincitore del Festival del Garda che poi si confronterà col primo classificato dei nove concorsi canori del circuito dei Grandi Festival italiani (Festival del Garda, Festival della Sardegna, Nota d'Oro di Puglia, Live Song Festival dell'Emilia Romagna, Cantazzurro di Vicenza, Sarete Famosi delle Marche, Una voce per lo Jonio della Calabria, Cantadoria Tour della Sicilia e il Festival del Lago di Bolsena).

Stefano Joppi