Il bilancio

Marmomac 2022, il mondo è tornato a Verona: «Presenze a livelli precovid»

A Verona si è tenuto il salone dedicato al settore lapideo
Un momento di Marmomac 2022
Un momento di Marmomac 2022
Un momento di Marmomac 2022
Un momento di Marmomac 2022

Si è chiusa l'edizione 2022 di Marmomac: il salone dedicato al settore lapideo ha chiuso a Veronafiere registrando 47mila operatori professionali, il 49% in più rispetto al 2021.

 

Due terzi dall'estero

Dei visitatori, il 63% è arrivato dall’estero, percentuale in crescita del 97% in valore assoluto rispetto all’edizione precedente, quando le limitazioni per contrastare il covid avevano reso difficile raggiungere l'Italia per molti operatori stranieri. 132 le nazioni rappresentate.

 

Federico Bricolo -Presidente Verona Fiere

 

Per il presidente di VeronaFiere Federico Bricolo «si tratta di un risultato che riporta la manifestazione quasi ai numeri pre-pandemia del 2019, dopo l’edizione speciale online del 2020 e quella della ripartenza nel 2021. Veronafiere ritorna così a essere motore che viaggia a pieni giri, sostenendo lo sviluppo internazionale di una filiera industriale e generando ritorno economico anche per la sua città e il territorio».

 

Ammistratore Delegato VeronaFiere - Maurizio Danese

 

I numeri

In mostra in fiera oltre 1.200 varietà di materiali lapidei, tra blocchi di marmo grezzi, lastre e lavorati. Presentati 700 macchine, impianti e attrezzature e più di 800 prodotti tra utensili, abrasivi e prodotti chimici. 

Maurizio Danese, amministratore delegato di VeronaFiere, commenta: «In questo Marmomac abbiamo assistito al grande ritorno quantitativo e qualitativo di operatori da paesi target come Stati Uniti, Brasile, India e Turchia, con numeri che hanno praticamente recuperato quelli delle edizioni pre-Covid. Il dato delle presenze estere assume ancora maggior rilevanza se si considera la ridotta presenza di Cina, Russia e Ucraina per i noti problemi sanitari e geopolitici». 

L'edizione 2023 di Marmomac è in programma dal 26 al 29 settembre 2023.

 

Leggi anche
La pietra naturale? È sostenibile. «Eppure è quasi sconosciuta»