Il caso

«Italian sounding», l'allarme da Vinitaly: «Difenderemo in Europa i prodotti italiani»

Vinitaly, parlano Padoan, Patuanelli, Zaia e Sboarina (video Perlini)

A Vinitaly Special Edition il presidente della regione Veneto Luca Zaia ha ribadito la necessità di difendere il prodotto vinicolo della nostra regione dalle contraffazioni, il cosiddetto “italian sounding”, parole che hanno trovato conferma nel ministro dell'Agricoltura Stefano Patuanelli

Ha scomodato Shakespeare il Sindaco Federico Sboarina quando dice “non c’è Vinitaly al di fuori di Verona, non c’è Verona al d’infuori del Vinitaly “, certo che il Bardo non se ne avrà a male. Anche il ministro si è trovato d’accordo, perché l’evento “mette in mostra il meglio del food italiano. Stiamo conquistando mercati nuovi e lontani. Ci sono molti motivi di essere orgogliosi, altri di preoccupazione, perché vediamo l’attenzione di portare l’agricoltura verso l’omologazione. Un percorso che non accettiamo, contro il quale ci batteremo con tutte le nostre forze, cercando di contrastare l’Italian sounding, perché le nostre dop, igp, tutte le eccellenze non vengano messe in discussione. Oggi è un momento di festa, in cui l’Italia si mette in mostra".

Anna Perlini