Bollette pesanti, parte la caccia agli sconti

Ragioniamoci sopra Il Governatore Luca Zaia con il suo libro FOTO  MARCHIORI
Ragioniamoci sopra Il Governatore Luca Zaia con il suo libro FOTO MARCHIORI
Ragioniamoci sopra Il Governatore Luca Zaia con il suo libro FOTO  MARCHIORI
Ragioniamoci sopra Il Governatore Luca Zaia con il suo libro FOTO MARCHIORI

Dai tradizionali supermercati ai discount in cerca di offerte e sconti per far fronte al caro bollette. È questo il trend a cui si sta assistendo negli ultimi anni anche a Verona e che rischia di accentuarsi ancora di più in vista degli attesi rincari delle bollette di luce, gas e acqua. Si stima che una famiglia media veronese avrà un aumento di spesa di circa mille euro nel 2022: quasi uno stipendio base che se ne va per gli aumenti del riscaldamento e dell'elettricità. «Stiamo già ricevendo numerose richieste di chiarimenti da parte di consumatori, preoccupati per i rincari», spiega Davide Cecchinato, presidente di Adiconsum. La situazione «C'è chi si lamenta e chi ci chiede di verificare gli importi dovuti ed eventualmente di rateizzarli. Il timore è che molti non riescano a far fronte a questi aumenti». Al momento non ci sono riscontri ufficiali su un cambio di abitudini di spesa da parte dei veronesi, ma secondo Cecchinato il fenomeno è alle porte: «C'è già un orientamento al consumo più oculato ed è probabile che ci sia una sempre maggiore ricerca del risparmio, considerato l'aumento dei prezzi». I recenti incrementi del costo dell'energia andranno, infatti, a influire inevitabilmente sul settore dei trasporti e su quello alimentare, due comparti strategici per la vendita di beni al consumatore. Il risparmio Davanti ai discount Lidl di corso Milano e Md di via Curiel i pareri delle persone sono univoci. «Le spese sono sempre tante e la gente per forza si deve adattare ad andare nei discount. Qui è pieno di clienti nel pomeriggio: c'è bisogno di risparmiare e la qualità è buona», commenta Wanda, residente del Chievo. «E questo non vale solo per noi anziani, ma anche per i giovani, che purtroppo spesso guadagnano poco». Le promozioni Le strategie per ridurre al minimo gli esborsi sono diverse. «Io faccio la spesa in supermercati diversi a seconda delle promozioni», spiega Maria Antonietta Chiavaro. «Prima faccio una ricerca sui vari siti internet e guardo quali sono i prodotti in offerta nei diversi punti vendita, poi scelgo in base a ciò di cui ho bisogno: non so di preciso quanto riesco a risparmiare, ma sicuramente qualcosa si mette da parte». Sono molte le amiche che come lei rincorrono le offerte della settimana. «Dobbiamo già fare i conti sulle bollette, dell’energia e del riscaldamento non si può fare a meno», commenta Chiavaro. «L’unico modo per risparmiare è facendo la spesa in modo oculato». Gli sconti sulle app Qualcuno ha affinato la stessa tecnica, puntando però sulle tecnologie. «Noi scegliamo sempre supermercati diversi in virtù degli sconti sulle app», racconta Rosa Spinelli, intenta a fare la spesa con il compagno. «Settimanalmente controlliamo gli sconti applicati ai prodotti che ci interessano e facciamo acquisti mirati per risparmiare un po’. Non compro marche che non conosco, perché sono dell'idea che comunque dev'esserci qualità». Le offerte Pasquale Imperato è particolarmente attento alle spese e alle offerte sul mercato. «Lidl, raggiunta una certa cifra di spesa, garantisce degli sconti sui prossimi acquisti, altri supermercati regalano dei prodotti - racconta Imperato -, altri ancora, come Rossetto, hanno istituito un giorno, l'ultimo mercoledì del mese, in cui la spesa costa il 10 per cento in meno, così arrivano tanti clienti. Oppure propongono uno sconto sui prodotti da banco dopo le 18». Piccoli trucchi per risparmiare, che Imperato non si lascia sfuggire un consiglio. «Ultimamente sto comprando molto su Amazon - conclude -. Ci sono dei gruppi di acquisto su Telegram che consentono di fare acquisti a prezzi economici: l'ultima volta ci siamo riforniti di ammorbidente per i prossimi due anni, ma almeno è di qualità».•.

Manuela Trevisani