L'analisi di Confcommercio

Bollette fuori controllo per negozi e ristoranti: costi più che raddoppiati in un anno

Tariffe fuori controllo: la denuncia di Confcommercio
Tariffe fuori controllo: la denuncia di Confcommercio
Tariffe fuori controllo: la denuncia di Confcommercio
Tariffe fuori controllo: la denuncia di Confcommercio

Nel 2022 le imprese del terziario italiane spenderanno in energia 24 miliardi di euro, circa 500 milioni dei quali solo nel Veronese, più del doppio rispetto all’anno precedente, in cui la bolletta fu di “soli” 11 miliardi. Lo sottolinea Confcommercio Verona prendendo spunto dai dati dell’ultimo Osservatorio Confcommercio Energia, analisi trimestrale realizzata in collaborazione con Nomisma Energia.

Tra luglio 2021 e luglio 2022 gli aumenti della spesa annuale sono arrivati a toccare il 122% per l’elettricità e il 154% per il gas e, nel dettaglio, gli alberghi hanno speso in media 55mila euro in più per l’energia elettrica, seguiti dai negozi di generi alimentari (+18mila), dai ristoranti (+8mila), dai bar e dai negozi non alimentari (+4mila per entrambi). Stessa musica per il gas, con settore alberghiero a +15mila euro e ristoranti a +6mila, mentre per bar e negozi il rincaro annuale si situa tra il 120% e il 130%. In alcuni ristoranti veronesi sono arrivate bollette otto volte più care di quelle dell'analogo periodo del 2021. Ad agosto il trend non è cambiato.

Leggi anche
La disperazione di Francesca, titolare di un ristorante: «Caro bolletta, rischio di chiudere»

La crisi di Governo non aiuta e le prospettive per l'autunno sono particolarmente preoccupanti, per il terziario di mercato: non a caso molti albergatori, anche nel Veronese, starebbero valutando o hanno già deciso di tenere chiuso, nel periodo autunno/invernale.