La tradizione e il libro in edicola

Santa Lucia: la storia della «santa degli occhi» che porta i regali ai bambini

Per molti bambini Santa Lucia è sinonimo di regali: ecco da dove nasce la tradizione che si celebra fra il 12 e il 13 dicembre. In edicola un libro che ripercorre la storia e racconta diverse curiosità su Lucia
Un'illustrazione di "La notte di Santa Lucia" di Sara Agostini
Un'illustrazione di "La notte di Santa Lucia" di Sara Agostini
Un'illustrazione di "La notte di Santa Lucia" di Sara Agostini
Un'illustrazione di "La notte di Santa Lucia" di Sara Agostini

Nella notte fra il 12 e il 13 dicembre nelle case dei bambini di alcune province italiane Santa Lucia porta regali e dolciumi. 

La tradizione prende piede soprattutto a Verona, Brescia, Vicenza, Bergamo, Mantova, ma anche in Trentino, a Udine, nel Bellunese e in altre zone di Veneto, Emilia e Lombardia, oltre che in Scandinavia. E poi a Siracusa, in Sicilia, dove alla Santa è dedicata una Basilica.

 

La storia della Santa

Perché Siracusa? Perché fu lì che Lucia nacque, si ipotizza fra il 281 e il 283. Cresciuta in una famiglia nobile, rimase orfana di padre a cinque anni e, quando si ammalò anche la mamma, andò in pellegrinaggio al sepolcro di Sant'Agata a Catania dove, secondo la leggenda, Sant'Agata le apparve in sogno e le disse che la madre sarebbe guarita, cosa che avvenne effettivamente.

Da lì decise di consacrare la propria vita ai bisognosi. Tutto però cambiò quando rifiutò un giovane che voleva sposarla: lui si offese per il suo rifiuto e la denunciò all'autorità in quanto cristiana, religione all'epoca fuorilegge.

Il 13 dicembre del 304 il prefetto Pascasio la catturò sperando di farla abiurare, ma lei non rinnegò la propria fede. Secondo la tradizione, a quel punto cercò di farla portare via, ma nessuno riusciva a spostarla e, quando provarono a bruciarla viva, le fiamme si aprirono senza toccarla. In quel momento Lucia si rivolse al prefetto: «Tu obbedisci a Cesare e io obbedisco a Dio». E Pascasio a quel punto le fece tagliare la gola.

 

Un'illustrazione di "La notte di Santa Lucia" di Sara Agostini
Un'illustrazione di "La notte di Santa Lucia" di Sara Agostini

 

Gli occhi di Lucia e i miracoli

Per tradizione Santa Lucia è la protettrice degli occhi e, secondo altre versioni della sua storia, fu lei stessa a strapparseli (secondo alcuni per darli a Pascasio, secondo altri per non vedere le brutture del mondo).

Le vengono attribuiti diversi miracoli: a Venezia (dove erano conservate le sue spoglie) nel 1200 un bambino avrebbe recuperato la vista dopo che la madre aveva pregato la Santa; a Siracusa nel 1600 il popolo la pregò durante una carestia e subito fece arrivare un bastimento carico di frumento e legumi.

 

Santa Lucia, i dolci e i regali

A Santa Lucia sono legati alcuni dolci (la cuccia, le pastefrolle, i lusserkatter svedesi), la festa dei buzzetti a Siracusa e i tradizionali mercatini di Verona.

A Verona  porta regali ai bambini dal 1200: a quell'epoca scoppiò un'epidemia che fece ammalare agli occhi moltissimi bambini: i genitori il 13 dicembre andarono in processione fino a Sant'Agnese, promettendo ai figli che al ritorno avrebbero fatto trovare loro dolci e giochi. Nei giorni precedenti al 13 dicembre, a Verona ci sono dei tradizionali banchetti allestiti proprio in occasione di Santa Lucia, con dolci e giocattoli.

A Brescia la tradizione dei regali nasce da quando, durante una carestia, Santa Lucia, lasciò nottetempo sulle porte della città dei sacchi di grano, proprio nella notte fra il 12 e il 13 dicembre.

Ma perché la Santa porti loro dei doni, i bambini devono comportarsi bene e scrivere in una letterina i loro desideri.

 

La notte di Santa Lucia di Sara Agostini
La notte di Santa Lucia di Sara Agostini

Il libro

Queste e molte altre curiosità su Santa Lucia sono presenti nel libro La notte di Santa Lucia (edizione Gribaudo) di Sara Agostini, con illustrazioni di Chiara Ranieri.

 

Riccardo Verzè