Musica

Il mio Mozart: uscito l'album del tenore veronese Cosimo Panozzo

a sinistra Luca Rasca, in centro Cosimo Panozzo, a destra Roberto Noferini,
a sinistra Luca Rasca, in centro Cosimo Panozzo, a destra Roberto Noferini,
a sinistra Luca Rasca, in centro Cosimo Panozzo, a destra Roberto Noferini,
a sinistra Luca Rasca, in centro Cosimo Panozzo, a destra Roberto Noferini,

È uscito ieri «Il mio Mozart», nuovo album degli artisti Cosimo Panozzo, tenore veronese, Luca Rasca, pianista, Roberto Noferini, violinista, i quali - nel 230esimo anniversario della morte del compositore austriaco, avvenuta il 5 dicembre 1791, a Vienna - propongono alcune tra le sue più belle pagine, con arie tratte da opere o arie da concerto per tenore, accostate a composizioni per piano solo e duo pianoforte - violino.

Con il suo "effetto Mozart" (teoria scientifica, ancorchè dibattuta, elaborata nel 1993 dai fisici Gordon Shaw e Frances Rauscher, secondo cui l'ascolto di una sonata del genio di Salisburgo, avrebbe causato un temporaneo aumento delle capacità cognitive di un gruppo di volontari), la musica di Wolfgang trasporta l'ascoltatore in una dimensione benefica.

Ed è proprio questo l'augurio che, per Natale 2021, il neonato progetto discografico intende rinnovare attraverso i timbri della vocalità prettamente italiana di Panozzo, ovvero la brillantezza e vigore di Rasca e Noferini, che ben si addicono all'interpretazione del repertorio mozartiano da cui traspirano molti tratti della produzione musicale italiana (si pensi solo all'Ouverture del "Flauto Magico", che richiama vistosamente una sonata del compositore italiano Muzio Clementi). Il disco, uscito in preview su Spotify, sta già riscontrato numerosi ascolti da tutto il mondo, ed è acquistabile - anche digitalmente - tramite i distributori elencati su feiyr.com.

Francesca Saglimbeni