CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

07.12.2017

Va all’Eurospin vestito da sub Ruba bottiglie e lo arrestano

Gli agenti della polizia municipale in tribunale e l’indagato per il furto FOTO DIENNEL’ingresso dell’Eurospin di via Bixio a Villafranca FOTO PECORA
Gli agenti della polizia municipale in tribunale e l’indagato per il furto FOTO DIENNEL’ingresso dell’Eurospin di via Bixio a Villafranca FOTO PECORA

Maria Vittoria Adami Con la muta da sub indossata sotto i vestiti, per tenere saldo il bottino (ben dieci bottiglie di alcolici), è uscito dal supermercato senza pagare. Ma per un cittadino romeno, 28 anni, domiciliato a Torino, il furto non è andato a buon fine martedì sera, all’Eurospin di Villafranca. Sulla sua strada ha trovato, infatti, una pattuglia di agenti della polizia municipale che l’hanno fermato, perquisito e tenuto in custodia per tutta la notte. Ieri mattina l’uomo, classe 1989, è stato condotto in direttissima davanti al giudice Rita Caccamo con l’accusa di furto aggravato con metodi fraudolenti, contestatagli dal pubblico ministero Elvira Vitulli. Nel pomeriggio gli è stato convalidato l’arresto con divieto di dimora nella provincia di Verona e obbligo di immediato allontanamento. Il processo sarà celebrato il 9 febbraio. La vicenda, che ha visto impegnati i vigili urbani fino a notte fonda, è iniziata nel tardo pomeriggio di martedì. Alle 18.15 il responsabile della sicurezza dell’Eurospin, il supermercato alla rotonda tra via Nino Bixio e via Pozza, ha fermato una pattuglia dei vigili urbani impegnati nel turno di fine pomeriggio, chiedendo aiuto. Ha spiegato agli agenti che un uomo era uscito dal negozio con della merce senza pagare e si era avviato in via Trento. La pattuglia ha fatto dietrofront imboccando di nuovo via Trento, dalla quale proveniva e nella quale aveva notato un uomo che correva sul marciapiedi. Lo ha trovato, infatti, al Quadrato, dove l’ha fermato e perquisito. È bastato poco ai vigili per capire che avevano preso l’uomo giusto: sotto il giaccone e i vestiti indossava una muta da sub a manica e pantalone corto, usata per tenere ferma la refurtiva. L’uomo vi aveva infilato dieci bottiglie di alcolici. È stato così fermato per furto aggravato con metodi fraudolenti e arrestato dalla polizia municipale che lo ha tenuto in custodia avvalendosi della cella di sicurezza dei colleghi di Verona. È seguita una lunga notte per i vigili e il comandante Angelo Competiello che hanno fotosegnalato e interrogato il romeno. Quest’ultimo, dicendo di non parlare italiano, è stato assistito da un’interprete. L’uomo non era solo al supermercato: altre due persone erano con lui. Una aveva cercato di nascondere sotto i vestiti una dozzina di bottiglie di alcolici, l’altra ben 16 pezzi di formaggio grana. Ma, forse sentendosi osservati dal responsabile della sicurezza, hanno desistito riponendo la merce in negozio. Solo il romeno ha proseguito verso la cassa con la refurtiva nella tuta da sub, per poi scappare, senza pagare, imboccando di corsa via Trento. L’uso della muta per i furti sembra essere una modalità diffusa, come conferma Competiello. Ma in questo caso è stato provvidenziale il passaggio dei vigili. «È stata determinante la prontezza e sono stati molto bravi, dimostrando anche impegno», spiega il sindaco Mario Faccioli. «E lo dimostra il fatto che hanno affrontato una lunga notte per le procedure necessarie e, ciononostante, qualcuno di loro stamattina era già in servizio». Tre agenti, invece, sono stati ieri mattina in Tribunale a Verona per la direttissima. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1