CHIUDI
CHIUDI

03.01.2019

Terreno all’asta, addio al parcheggio

Il sindaco Roberto Dall’OcaIl terreno di via Porta messo in vendita dal Comune FOTO PECORA
Il sindaco Roberto Dall’OcaIl terreno di via Porta messo in vendita dal Comune FOTO PECORA

Il terreno municipale alle porte del centro storico va all’asta. Il Comune di Villafranca ha pubblicato l’avviso per il lotto di via Porta, confinante con la rotatoria tra le vie Fantoni e Battisti e il retro delle case di via del Bersagliere. L’area è stata al centro di diverse politiche urbanistiche. Sotto la giunta Zanolli era stata coinvolta in un Piano di riqualificazione pubblico-privato (Piruea) che prevedeva lì l’edificazione di una scuola materna, ma solo fino al grezzo, da parte del privato e a favore del Comune. L’idea fu rivista completamente dal successivo sindaco Mario Faccioli che, programmando il nuovo polo scolastico con materne ed elementari nella zona Sud della città, aveva accantonato quel progetto. Il terreno era stato poi considerato per il piano parcheggi per l’ospedale, essendo vicino al Magalini. L’amministrazione aveva allora pensato di destinarlo in parte (5.000 metri) alla vendita e in parte (3.200 metri) a parcheggio, inserendolo nel piano delle alienazioni. Nel 2016 aveva approvato per questo la variante urbanistica rendendo il lotto a destinazione residenziale, subordinata a un piano urbanistico attuativo con obbligo di convenzione. Prevedeva di incassare circa 750mila euro e di trasformare l’area restante in un parcheggio di 150 posti funzionale all’ospedale Magalini. Ora si passa al concreto. Il lotto viene messo all’asta con un prezzo base di 650mila euro e sarà ceduto al miglior offerente. L’esperimento d’asta pubblica a unico incanto avrà luogo il 28 marzo, alle 9.30. Il terreno, oggi prato, è racchiuso tra via Porta (la strada che conduce a Dossi), la rotatoria, il canale consortile, una casa privata e la schiera di fabbricati che si affacciano a via del Bersagliere. L’indice di edificabilità sarà pari a cinquemila metri cubi. Per poter partecipare all’asta è obbligatoria la visione del terreno (i sopralluoghi si effettuano su appuntamento) e versando una caparra pari al 10 per cento del valore d’asta. La documentazione per partecipare deve essere consegnata in municipio entro il 26 marzo. I plichi contenenti le offerte saranno aperti il 28 marzo alla presenza dei partecipanti all’asta. Tutte le informazioni necessarie sono pubblicate sul sito del Comune. Oltre al terreno, il Comune vende anche un appartamento in via Novara 2, per 40mila euro a base d’asta, e alcuni garage sempre nella stessa strada. E sempre sul portale internet si possono scaricare tutte le indicazioni. Ma è sulla vendita del terreno che erano sorte nei mesi scorsi delle perplessità ribadite anche dal consigliere di minoranza Lino Massagrande, della lista civica Noi per voi: «Sarebbe stato meglio trasformare tutta l’area in un parcheggio alberato per i dipendenti dell’ospedale in modo da preservarla da nuove costruzioni. Si sarebbe così liberato anche l’attuale parcheggio per dipendenti che si poteva aprire a chi ha bisogno di recarsi al pronto soccorso o a far visita a un paziente ricoverato. Invece portiamo via ancora terreno, quando c’è tutta Villafranca da ristrutturare. Si deve lavorare sull’esistente offrendo vantaggi a chi vuole sistemare e ristrutturare le abitazioni evitando di occupare altro terreno», lancia come proposta Massagrande che ha fatto dello stop alle costruzioni uno dei suoi cavalli di battaglia in campagna elettorale. «Invece vince sempre la speculazione. Mi ero candidato per questo. Sono stufo di vederne. Il centro storico sta morendo e invecchia. Bisogna incrementare le ristrutturazioni. Abbiamo duemila appartamenti nuovi liberi in città. Ce ne saranno altrettanti vuoti da ristrutturare. Diamo tutti i vantaggi a chi vuole sistemarli. E così non ci sarà bisogno di costruirne ancora rubando altre aree verdi». •

Maria Vittoria Adami
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1