CHIUDI
CHIUDI

06.01.2019

Tenuta statica, verifiche al ponte Adriano

Il ponte sul Tione tra via Calatafimi e viale OlimpiaIl ponte sul Tione in via Bixio   FOTO PECORA
Il ponte sul Tione tra via Calatafimi e viale OlimpiaIl ponte sul Tione in via Bixio FOTO PECORA

Operazione Sicurezza a Villafranca. Il Comune ha affidato l’incarico a un tecnico di analizzare la struttura del ponte in acciaio sul fiume Tione che collega via Calatafimi a viale Olimpia, vicino alle piscine. Si tratta dell’ultimo controllo sui ponti cittadini che sono stati oggetto di una verifica complessiva negli ultimi mesi, voluta dall’amministrazione comunale. Le analisi precedenti sono state affidate allo studio di consulenza tecnica Contec, ora, invece, l’incarico per il ponte «Adriano» (così chiamato per l’imponenza del manufatto voluto nei primi anni Novanta dall’allora assessore ai lavori pubblici Adriano Adami) è stato affidato all’ingegnere Edoardo Ottoboni per 10mila euro. «Avevamo avviato una serie di monitoraggi sui ponti e per quello di viale Olimpia non era stato fatto il rilievo», spiega il vicesindaco Francesco Arduini, delegato ai lavori pubblici. «Così completiamo le verifiche sui manufatti. È un’attenzione che abbiamo avuto in precedenza al crollo del ponte Morandi a Genova, ma dopo quella vicenda a maggior ragione è bene avere sotto controllo tutta la situazione». I dubbi dei cittadini sono emersi più volte in merito al ponte di via Nino Bixio che sopporta il passaggio di carichi pesanti e molto traffico. Qui sono incanalati camion e tir che viaggiano in direzione Verona Mantova. E il manufatto ha la sua età. Non ci sarebbero pericoli, tuttavia, secondo l’amministrazione comunale. «Il ponte di via Bixio è sicuro e non presenta problemi particolari o anomalie alla struttura. Non ci sono rischi perché non accade mai che vi sia il contemporaneo passaggio di due camion a pieno carico per ogni corsia di marcia perché gli autoarticolati a Villafranca procedono su strade diverse: in via Bixio viaggiano solo in direzione Mantova e quelli in direzione Verona passano per il ponte di via Angelo Messedaglia». Anche quest’ultimo è stato monitorato proprio per verificarne la portata. E anche in questo caso un tir di 50 tonnellate a pieno carico non può incrociarne un altro nel senso opposto caricando il ponte di 100 tonnellate in un colpo solo. «Oltre all’impossibilità che i mezzi pesanti si incrocino su questi ponti, c’è il fatto che i manufatti non sono costruiti con una campata di altezza elevata. Sono sicuri, insomma, ma sempre sotto controllo proprio perché le analisi ci servono per assicurare che non vi siano anomalie». L’operazione di verifica sismica non si ferma qui. Per il 2019 Arduini annuncia un’analisi di tutti gli edifici pubblici, dalle scuole a quelli sportivi. «A fine anno abbiamo ragionato sul tema ed è necessario che sia preso in considerazione lo stato di salute dei nostri edifici. Il monitoraggio sui ponti ora si completa. Passando al concreto, invece, inizieremo con i lavori al palazzetto dello sport di Alpo». In agenda, infatti, ci sono le opere di adeguamento dell’edificio sportivo in via Ennio Piazzola, nella frazione, che è stato indicato dalla Protezione civile come luogo di raduno dei cittadini in caso di terremoto o emergenze. Per questo il Comune effettuerà interventi per metterlo a norma rinforzandolo. Il progetto ha ottenuto un finanziamento della Regione di 250 mila euro, pari all’intera cifra chiesta. L’intervento prevede lavori di adeguamento antisismico ed è inserito nel piano triennale delle opere pubbliche già quest’anno. Lo studio di fattibilità tecnico economica è stato affidato alla società d’ingegneria Contec Srl di Verona, che già aveva redatto per l’Ente uno studio di verifica sismica della struttura. •

Maria Vittoria Adami
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1