CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

23.11.2016

Spettacolo per ricordare
mamma Alida Ferrarini

Da sinistra Cristian Ruiz e Luca Giacomelli Ferrarini
Da sinistra Cristian Ruiz e Luca Giacomelli Ferrarini

A come Alida. E come arte, intesa nel suo essere insieme musica, poesia, danza e voce.

Alida Ferrarini, soprano villafranchese, era arte nel lavoro e nella vita, e questo racconterà dal palco lo spettacolo «Follie per Alida» ideato dal figlio Luca Giacomelli Ferrarini, 33 anni, cantante di musical, e dall’artista Cristian Ruiz, 42 anni.

L’appuntamento è per il 4 dicembre alle 16 in sala Ferrarini, in via Napoleone III a Villafranca, a un anno dall’inaugurazione dello spazio polifunzionale che porta il nome della cantante conosciuta in tutto il mondo e scomparsa nel 2013 per malattia. Sarà uno spettacolo musicale ad atto unico, di un’ora e 40 minuti, con inserti recitati, poesie, balletti, durante il quale si mescolerà la lirica alla musica pop, in una commistione che celebra l’arte tout court.

«Sarà una serata in onore di mia madre con uno spettacolo di musica dal vivo, con orchestra, corpo di ballo e poesie», spiega il figlio.

Tra gli oltre trenta personaggi interpretati da Ferrarini durante la sua carriera, sono stati scelti i cinque principali: Micaela di Carmen, Mimì della Boheme, Cho Cho San della Madame Butterfly, Liù di Turandot e Gilda di Rigoletto. «Da qui partiremo con un racconto che rivisita queste figure in chiave moderna, mescolando la lirica al pop», dice il figlio.

Non mancheranno, infatti, omaggi a cantanti recentemente scomparsi come Amy Winehouse, Michael Jackson, Prince, David Bowie e Whitney Huston.

«Sarà un concerto spettacolo che spazierà in tutte le discipline», spiega Giacomelli Ferrarini che solcherà il palco con Ruiz, protagonista de «L’ultima strega» di recente andato in scena al teatro Brancaccio di Roma.

I due duetteranno o si esibiranno da soli o con le coriste Elisa Musso, Natascia Fonzetti, Marina Tafuri, per la direzione musicale di Antonio Torella che sarà anche al piano, con Marcello De Francesco al violino e Antonio Cicoria alle percussioni, e che accompagnerà il corpo di ballo Kronos. Luca Giacomelli Ferrarini, già Mercuzio in «Romeo e Giulietta, ama e cambia il mondo», debutterà domani per l’Alt in tour di Renato Zero, nel quale interpreta Glitter e che lo terrà impegnato fino ad aprile. Ma ha voluto ricordare con questa tappa villafranchese la madre Alida Ferrarini e il padre Franco Giacomelli, scomparso un paio d’anni fa e che sempre ha seguito ogni passo della carriera del figlio. «Lo spettacolo si chiama Follie per Alida, ma sono follie per i miei genitori e a loro dedico lo spettacolo. Non mi hanno mai forzato a intraprendere la carriera artistica, ma mi hanno sempre seguito. Sono sicuro che lo spettacolo piacerebbe a mia madre: era amante dell’arte in generale, dalla miniatura alle porcellane, dalla scultura alla pittura, dalla prosa al musical. Una commistione così le sarebbe sicuramente piaciuta».

Cosa le chiederebbe se fosse qui? «Se sto facendo un percorso giusto. Ecco, questo vorrei tanto chiederglielo».

Scomparsa a 67 anni, Alida Ferrarini debuttò come cantante lirica a metà degli anni Settanta, cantando anche con Luciano Pavarotti alla Scala di Milano. Carriera e mondanità, che l’hanno condotta per il mondo, non hanno però avuto la precedenza sulla vita e la famiglia, custodite in profonda privacy e vissute con semplicità, come ricordano i villafranchesi.

Ora, diviso tra Villafranca e Roma, ama tornare nella città natale anche il figlio Luca: «Ho tutti gli amici e sono nato e cresciuto qui. Il lavoro mi porta spesso in giro per l'Europa, ma non andrei mai via da Villafranca», assicura.

I biglietti per lo spettacolo si possono acquistare allo studio fotografico Roberto Ferrarini, in corso Garibaldi 22. La data del 4 dicembre sarà preceduta dalla serata di sabato 3, i cui biglietti sono andati tutti esauriti.

Maria Vittoria Adami
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1