Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
sabato, 22 settembre 2018

Rischiano multe ogni giorno Cittadini incontrano il sindaco

Via Sant’Andrea con le auto parcheggiate FOTO PECORA

Chiamata per i residenti del quartiere dei Santi e del villaggio Mariotto di Dossobuono. Stasera gli amministratori di Villafranca incontreranno la popolazione per illustrare il nuovo progetto della viabilità nelle zone in questione. L'appuntamento è a villa Alessandri alle 20.30. Ci saranno il sindaco Roberto Dall’Oca, il vicesindaco Francesco Arduini, il consigliere delegato alle frazioni Adriano Cordioli, l'assessore Claudia Barbera e i consiglieri comunali di Dossobuono Nicola Giuliani e Martina Pasetto. «A breve», spiegano dal municipio, «inizieranno i lavori di segnatura e di posa della segnaletica verticale nella zona dei Santi e l'amministrazione comunale ha ritenuto corretto organizzare un incontro per illustrare le varianti che verranno apportate alla viabilità». Il progetto è sperimentale e avrà una durata provvisoria di un anno. Poi ne sarà verificata l'efficacia e saranno rilevate eventuali criticità. «Dopo queste fasi si procederà alla messa in opera di soluzioni definitive come la realizzazione dei marciapiedi». All'incontro stasera saranno presenti anche i tecnici che hanno studiato il progetto. Il provvedimento era stato annunciato dopo la retata, a novembre 2017, dei vigili urbani che avevano battezzato con una pioggia di multe le auto parcheggiate in via Sant’Andrea e tra le vie San Matteo, San Marco, San Luca fino a via Santa Cecilia. Erano sanzioni di 28,70 euro, per la sosta sulla carreggiata i cui margini sono evidenziati dalla striscia continua. Le vie in questione servono le palazzine e le villette della zona. Non ci sono stalli disegnati per terra, ma qui tutti parcheggiano fuori casa, lungo i muri di recinzione. E lo si fa da anni. Ma per la segnalazione di qualcuno, gli agenti della municipale erano usciti. Non essendoci stalli di sosta, le auto parcheggiate erano state multate a decine. «Abbiamo avuto molte segnalazioni, alcune ben precise, e così abbiamo incrementato i controlli», aveva spiegato allora al nostro giornale il comandante dei vigili urbani, Angelo Competiello. Nei giorni precedenti la polizia municipale aveva subito anche una strigliata da parte dell'allora sindaco Mario Faccioli che aveva chiesto maggior presenza sul territorio. E così la presenza si era fatta appunto maggiore. Ma le rimostranze dei cittadini erano state parecchie e qualcuno aveva annunciato anche di far ricorso. Si era mosso quindi Dall'Oca, allora assessore delegato alle frazioni, che aveva chiesto ai tecnici che hanno redatto il Piano urbano della mobilità, di redigere un progetto per modificare la viabilità mediante sensi unici. La misura avrebbe consentito di guadagnare spazio per ricavare stalli di sosta. E per costruire marciapiedi e circuiti ciclabili per la sicurezza dei pedoni e per ordinare le vie dove vigeva il parcheggio selvaggio. Altra zona sensibile al fenomeno era quella industriale. Una bozza del progetto è stata preparata già in primavera. Ma è stata tenuta ferma essendo arrivata a ridosso delle elezioni. E non è stata mai presentata. I cittadini, tuttavia, hanno notato alcuni cambiamenti. E ora, passati quasi 100 giorni della prima amministrazione Dall'Oca, è giunto il tempo per il Comune di illustrare le decisioni prese. •