Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
mercoledì, 19 settembre 2018

Il sindaco: «Il Comune non ha immobili liberi per accogliere alunni»

Il sindaco Roberto Dall’Oca

Sul caso villafranchese del liceo Enrico Medi di via Magenta il sindaco Roberto Dall’Oca non ha soluzioni immediate: «Edifici comunali liberi non ne abbiamo: per il centro famiglie affittiamo una villetta. E anche acquisendo il tiro a segno dal demanio, la struttura è fatiscente e non consona». Alcuni decenni fa le scuole medie statali Aldo Moro erano ospitate all’ex seminario dei frati cappuccini, dove ora ci sono le medie private Don Allegri e magari potrebbero trovare posto delle prime classi liceali, per evitare lo scarto generazionale tra studenti. Ma questa via non è percorribile secondo Dall’Oca che prospetta solo due soluzioni, non immediate. Una più veloce, l’altra futuribile. La prima: chiedere alla Provincia di acquistare le scuole elementari Dante Alighieri, di via Prina, vicinissime non solo al liceo Medi, ma anche ai due istituti Carlo Anti ed Ettore Bolisani, sempre in affanno per gli spazi. «Se la Provincia acquistasse l’immobile, come già proposto, con il denaro potremmo costruire la nuova scuola elementare del capoluogo, liberando le Alighieri che potrebbero essere usate non solo dal Medi, ma anche da Anti e Bolisani». La nuova scuola elementare è già inserita nel Pat nell’area a Sud di Villafranca. «L’altra soluzione è la costruzione del polo delle superiori nell’area vicina alla futura scuola elementare. Ma è troppo onerosa, praticamente impossibile».