CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.02.2018

Dolore a Corso e Lugo di Grezzana «Orgogliosi di averti visto crescere»

Parteciperà anche l’amministrazione comunale di Grezzana e un nutrita delegazione di Corso e Lugo, oggi alle esequie di monsignor Giampietro Fasani. Era nato il 18 gennaio 1953 in contrada Dosso Martin di Corso, la frazione che si trova a circa 600 metri sul livello del mare e a poco meno di 10 chilometri da Grezzana (confinante con Erbezzo) e alla quale rimase sempre molto attaccato. Don Giampietro era il secondo di sette fratelli (quattro uomini e tre femmine) e al Corso tornava sempre volentieri. Tanto che gli abitanti di questa piccola frazione (141 abitanti in 61 famiglie) nel necrologio hanno scritto «certi di essere stati nel tuo cuore e orgogliosi di averti visto crescere». In questi compaesani e a Lugo c’è davvero molto dolore per questa perdita, alcuni sono andati a fargli visita nella camera ardente. «Era dotato di una spiccata intelligenza, unita alla concretezza e ad una contagiosa voglia di fare», ricordano al Corso. Tanto che, per i residenti della piccola frazione del comune, quando scelse la missione del sacerdote fu quasi naturale. Don Giampietro celebrò la sua prima messa nella parrocchia di Sant’Apollinare di Lugo il 25 giugno 1977: aveva appena 24 anni. E i residenti di Lugo e Corso seguirono i suoi passaggi. Fu un vero orgoglio per Corso, quando, nel 2002, don Giampietro venne nominato economo generale della Cei, certi che «coglieva queste nomine come grandi opportunità di crescita» e che rappresentava anche la tenacia dei suoi concittadini. Don Giampietro aveva iniziato con cinque anni di vicario parrocchiale a Golosine e li si impegnò nell’Azione Cattolica Ragazzi, poi divenne direttore del Centro pastorale preadolescenti. Era parroco a San Giovanni Lupatoto quando venne chiamato a Roma; nel 2011 il ritorno parroco di Villafranca, uno dei comuni più importanti della provincia, e nel contempo si impegnò nell’Associazione diocesana per le opere assistenziali. L’attenzione di monsignor Giampietro Fasani era sempre per le persone: dai ragazzi, ai giovani, agli anziani, i più deboli e fragili. La sua salma riposerà nel cimitero di Lugo. •

Alessandra Scolari
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1