CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

28.12.2017

Clima caldo sul toto sindaco Bendinelli gela: «Stop alle voci»

Mirco CordioliDavide Bendinelli Riccardo MaraiaLa poltrona del sindaco
Mirco CordioliDavide Bendinelli Riccardo MaraiaLa poltrona del sindaco

Maria Vittoria Adami Stop al toto-sindaco. È l’ordine di scuderia del coordinatore provinciale di Forza Italia Davide Bendinelli. Troppe voci, troppi nomi e troppo tempo da qui alle elezioni amministrative per avere già le idee chiare su chi governerà Villafranca. E troppo alto, sopratutto, il rischio di «bruciare», come si dice in gergo, il papabile. E nel can-can cala la voce di Bendinelli: «Oggi stiamo parlando con tutti e siamo in movimento per metterci insieme e condividere un documento politico. L’obiettivo attuale è allargare la coalizione e ragionare su gruppi civici che si riconducano a noi. Poi lavoreremo al programma e poi si penserà al candidato sindaco». Non sarà delineato prima della primavera: «Appurato che non si farà l’election day, abbiamo tutto il tempo per capire chi sarà il candidato. E questo sarà il risultato finale di un percorso. Ora i tempi non sono maturi». Bendinelli rimanda a dopo il 4 marzo, ovvero dopo la chiamata alle urne nazionale che darà uno specchio del panorama politico italiano. «Nel frattempo metteremo insieme le tessere del mosaico», continua Bendinelli, «siamo inclusivi e arriveremo a riunire tutte le forze di centro destra, superando le incomprensioni. Ma», mette subito le mani avanti, «non accetteremo veti incrociati e non ci sarà alcun candidato calato dall’altro. Vogliamo essere un partito che fa crescere i suoi». Ma in città c’è chi ha guardato con sospetto alla fretta con la quale Forza Italia si è annunciata con i suoi tre tesserati che siedono in consiglio comunale: Angiolino Faccioli in maggioranza e Martina Pasetto e Francesco Arduini in minoranza. E ci sono consiglieri che rivendicano il tesseramento al partito, pur non essendo stati invitati a partecipare al ritorno di Fi, tra cui il sindaco Mario Faccioli e il presidente del consiglio Cristiano Tabarelli. «È stato solo per ribadire che Forza Italia è rinata», conclude Bendinelli. «Non vuol dire che noi siamo Fi e gli altri no. L’obiettivo è includere». Lo ribadisce anche il segretario locale Mirco Cordioli: «Faccioli reclama, ma non ha detto più nulla. Lui è il sindaco e deve fare le sue valutazioni, noi non escludiamo nessuno e porteremo a compimento un progetto valido, senza personalismi. Vedremo alla fine se saremo stati bravi o se qualcuno, invece, lavorerà a un progetto diverso. L’obiettivo è essere più coesi possibili per creare un partito forte riunendo le anime che fanno parte del nostro movimento». Sulle tante voci accavallatesi in queste settimane interviene anche Cordioli: «Abbiamo sentito tante parole, ma l’unica che vale è la mia e quella di Bendinelli». Eppure la possibilità che il candidato sia Riccardo Maraia, oggi assessore al bilancio, è più che una voce: «Sicuramente non viene da Forza Italia», assicura Cordioli. «Maraia è una persona valida, che stimiamo, forse un papabile, ma ce ne sono tanti. Forza Italia non ha dato indicazioni ufficiali. È dicembre, si voterà a giugno, c’è tempo per confermare i nomi sul piatto, ma anche per cambiarli tutti». Cordioli traccia, però, un identikit del candidato: «A mio parere deve essere una persona che sappia già qualcosa di amministrazione. All’80 per cento è un requisito necessario. Per il momento storico che viviamo», conclude, «oggi un imprenditore o un civico catapultato ad amministrare non è opportuno: un Comune non è un’azienda privata». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1