CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

26.08.2018

Raccolta rifiuti e tariffa extra Comune infuriato con Esa-Com

La sede della società Esa-Com a Nogara FOTO DIENNE
La sede della società Esa-Com a Nogara FOTO DIENNE

Raccolta differenziata dei rifiuti: così non va. A tirare le orecchie alla società che effettua tale servizio in paese è l’intera amministrazione comunale di Vigasio. La quale per una volta, e questo non accade di sovente, si trova tutta d’accordo nell’attuare un’azione amministrativa. Ed il bello è che maggioranza ed opposizione sono unite nel chiedere che vengano cambiate le modalità di svolgimento di un servizio le cui regole sono state sottoscritte anche dal Comune e che viene effettuato da una società di cui lo stesso Comune è socio. Si tratta di Esa-Com, spa con sede a Nogara i cui soci principali sono l’Amia di Verona ed il consorzio di Comuni della Bassa Camvo, ma di cui detengono, per quanto in misura molto bassa, delle quote anche 19 amministrazioni municipali. Fra di essi, come si diceva, c’è anche quella di Vigasio, che di Esa-Com ha lo 0,50 per cento. Dando applicazione ad un decreto del Ministero dell’Ambiente, con il quale sono state introdotte nuove regole per quanto riguarda la misurazione dei rifiuti conferiti, Esa-Com ha proposto una formula di gestione del servizio per buona parte diverso rispetto a quelle precedenti. Una modalità di svolgimento che il Comune ha accolto e di cui è stata data attuazione dall’inizio di quest’anno. Da subito le novità introdotte hanno creato malumori e discussioni fra i cittadini che non hanno mancato di esprimere critiche anche sui social network. In particolare, a risultare indigesta è stata la decisione di stabilire un tetto massimo di svuotamenti inseriti in tariffa, prevedendo un costo di un euro per ogni volta ulteriore che il bidone viene posto davanti alle abitazioni, e, quindi, liberato del suo contenuto. La questione, però, è letteralmente esplosa nell’ultima seduta del Consiglio comunale. I consiglieri di opposizione Vincenzo Parise e Silvana Arduini, Cambiamo Vigasio, hanno presentato una mozione volta ad impegnare il sindaco a chiedere ad Esa-Com di eliminare la maggiorazione. «Per una famiglia di tre persone significherebbe arrivare a pagare sino a 44 euro di più all’anno, e per un single addirittura 64», spiegano i consiglieri. Secondo i quali, «la tariffa pagata dagli utenti copre già l’intero costo del servizio», e, quindi, non è chiaro «come è stata calcolata e come verrà fatturata la maggiorazione di un euro per svuotamento». Le pesanti critiche sollevate dall’opposizione hanno trovato concorde anche la maggioranza. Anzi, non solo la mozione è stata sostenuta in maniera unanime dall’intero Consiglio comunale, ma, prima che si arrivasse all’espressione del voto, il sindaco Eddi Tosi ha dato lettura di una lunga lettera che egli ha inviato poco più di un mese fa ad Esa-Com. Una missiva nella quale evidenzia quelle che a suo avviso sono delle «chiare problematiche» del servizio, chiedendo che venga posto ad esse rimedio al più presto. Secondo il primo cittadino la nuova gestione è partita male, con una comunicazione tardiva dei limiti massimi di conferimenti consentiti e la diffusione di un documento informativo di difficile comprensione, e poi sono emerse varie criticità. Dal numero ridotto dei passaggi per l’umido alla mancanza della possibilità di sapere in tempo reale quanti sono gli svuotamenti eseguiti, all’assenza di un sicuro metodo di riconoscimento dei contenitori, necessario per evitare che ci sia chi fa il furbo, sino ai non previsti controlli volti ad evitare che i rifiuti vengano lasciati sul territorio. «Situazioni che vanno affrontate, così come va eliminato il costo aggiuntivo per gli svuotamenti superiori ai limiti fissati», precisa Tosi. Che spiega di essere in attesa di risposte puntuali da parte di Esa-Com. Quella stessa Esa-Com con cui, peraltro, il Comune di Vigasio aveva avuto in passato un contenzioso, dovuto quella volta al costo complessivo del servizio di raccolta dei rifiuti. Contenzioso che si è risolto quattro anni fa, con una transazione che aveva portato ad una temporanea riduzione della spesa complessiva della raccolta. •

Luca Fiorin
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1