Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
sabato, 22 settembre 2018

Nude e dipinte nella piazza Polemica alla sagra patronale

Un volto con i tasti del pianoUna modella con l’artista che ha dipinto il suo corpoUna ragazza esibisce la pittura sul palco di Forette

Il body painting, ovvero la pittura del corpo, fa discutere e divide un intero paese. Le tre giornate di esibizioni dal vivo, organizzate da Marco Tosi, fotografo per hobby, e svoltesi nell’ambito dei festeggiamenti per la sagra di San Rocco durante la settimana di ferragosto, a Forette di Vigasio, hanno catturato l’attenzione di tantissimi curiosi, richiamati forse più che dagli splendidi disegni dipinti, dai corpi stessi delle altrettanto belle modelle. Nella grande piazza Unità d’Italia sono andate in scena artiste e, appunto, giovani modelle di face e body painting, che hanno dipinto volti e corpi, realizzando delle vere e proprie opere d’arte. Ma non tutti hanno manifestato apprezzamento ed ammirazione per il lavoro certosino svolto sulla pelle delle avvenenti giovani e ragazze. Tra favorevoli e contrari, il pubblico si è diviso in due: alcuni spettatori hanno commentato con cautela il lavoro di trasformare il corpo umano in una tela. Tra questi, c’è chi ha manifestato critiche perché ha ritenuto inopportuna l’esposizione dei corpi nudi e dipinti alla sagra dedicata a un santo. Ma tra gli abitanti, ci sono anche quelli più aperti di vedute che hanno elogiato le prestazioni delle brave artiste ed il risultato sulle belle modelle. Anzi molti di questi ultimi hanno anche voluto farsi fotografare o scattarsi dei selfie con le opere d’arte in carne ed ossa. Forette è uno dei primi paesi della nostra provincia, ma anche del triveneto, a rappresentare ed esporre l’arte del body painting. Ad aprire la rassegna di face e body painting è stata, il 15 agosto, Anna Penazzo di Verona. Make-up artist e bodypainter che opera nel settore da diversi anni, lavora per la Fondazione Arena di Verona e collabora con diverse compagnie teatrali. Penazzo è stata due volte vice campionessa italiana di bodypainting nella categoria facepainting. Disponibile anche per trucchi sposa, cerimonia ed eventi. Le sue modelle sono state Alessia Tosi e Michela Venturi, studentesse di Forette. Il giorno dopo, 16 agosto, è toccato esibirsi, invece, ad Elena Vanzo di Belfiore. Bodypainter ha partecipato a diversi contest nazionali di face e body painting. Vanzo è una make-up artist ed esegue trucchi da sposa ed eventi, inoltre lavora come estetista. La sua modella, Giada Trivellato di Arcole, lavora in una azienda della zona ed è una amante del variegato mondo cosplay, termine formato dalla fusione delle parole inglesi costume e play (gioco o interpretazione) che indica la pratica di indossare un costume che rappresenti un personaggio riconoscibile in un determinato ambito e interpretarne il modo di agire. Inoltre la studentessa Sara Granato di Vago, una giovane bodypainter per passione che quest’anno ha partecipato a tre contest nazionali come artista e la sua modella Alessia Romeo, studentessa di Vago di Lavagno, anche lei alla sua prima esperienza di face painting. Infine il terzo ed ultimo giorno della rassegna, il 18 agosto, sotto i riflettori ci sono state: Monica Baldo di Badia Polesine artista bodypainter per passione, autodidatta, anche lei ha partecipato a diversi contest nazionali. Impiegata ed insegnante e praticante di danze orientali ha dipinto la sua modella Silvia Gaio di Camisano Vicentino che lavora come consulente finanziario e istruttrice di acquagym. Con loro anche Annachiara Pierini, una artista di body di Abano Terme che lavora come promoter per una band musicale ed animatrice. La padovana ha partecipato a diversi contest di body nazionali, ma spesso fa la modella di body. La sua modella Alessia Romeo sempre di Abano, studentessa ha vissuto con lei la sua prima esperienza di body integrale. •