CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

09.01.2018

Diavolo, esorcista e teorie gender al circolo fantasma

Don Silvio Zonin
Don Silvio Zonin

Luca Fiorin Il circolo Noi di Vigasio vive nel limbo, dopo che meno di tre settimane fa è stato deciso di sospenderne le attività a causa della scarsa disponibilità di persone che accettino di entrare nel suo nuovo consiglio direttivo. E in attesa che lunedì 15 gennaio si riunisca il consiglio pastorale per vagliare possibili decisioni. Ma intanto al suo interno dalla prossima settimana prenderà il via un ciclo di incontri. «Confrontiamoci al bar» inizia oggi alle 20.45 nei locali di via Chiesa che sino a metà dicembre erano adibiti a locale pubblico a disposizione dei soci. È un’iniziativa voluta dalla parrocchia per mettere sotto la lente d’ingrandimento temi di interesse generale, più che di fede. «L’avevamo programmata da tempo e non ha quindi niente a che vedere con le vicende del circolo, anche se vi si svolgerà al suo interno. Vuole approfondire argomenti che, sfiorando la chiesa, sono di attualità, e, quindi, in grado di attirare quelle persone che a messa ci vanno poco o nulla», racconta uno dei due parroci di Vigasio, don Marco Crescente. La prima serata, in cui parlerà Valentino Bendazzoli, già autore di testi dedicati all’antropologia e contrari alle teorie gender, sarà dedicata al rapporto fra Dio e la responsabilità del male. Una settimana dopo Gilberto Gobbi, psicologo autore di saggi dedicati ai rapporti familiari, tratterà della paternità oggi, mentre martedì 23 gennaio l’esorcista della diocesi di Verona don Silvio Zonin si occuperà di spiegare se il diavolo esiste e se influenza le nostre vite. Le teorie gender, poi, saranno al centro degli interessi martedì 30 gennaio, quando interverrà la docente all’università di Verona Marisa Levi, mentre giovedì 8 febbraio l’insegnante di scienze umane Giuseppe Spimpolo approfondirà il binomio fra sesso e chiesa. Infine venerdì 12 febbraio monsignor Enzo Falavegna, docente di teologia, affronterà l’argomento del perdono come terapia di guarigione. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1