CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

27.12.2017

Aumenti della tassa sui rifiuti «Sono maggiorazioni ingiuste»

La sede della società Esa Com a Nogara FOTO DIENNE
La sede della società Esa Com a Nogara FOTO DIENNE

Luca Fiorin Gli aumenti previsti della tassa sui rifiuti, che secondo il gestore, Esa-Com, e buona parte dell’amministrazione comunale sono in linea con le previsioni e giustificati dal miglioramento del servizio, sono finiti nel mirino dell’ala, per così dire, più oltranzista dell’opposizione. Il piano finanziario relativo all’Imposta unica comunale, per la componente relativa alla Tari, dopo essere stato approvato sabato scorso dal Consiglio comunale è diventato l’oggetto delle proteste di una parte dell’opposizione. Quella che nell’assemblea municipale è rappresentata da Vincenzo Parise e Silvana Arduini, i quali fanno formalmente parte di un’unica lista, Cambiamo Vigaso Rossignoli Sindaco, assieme agli altri due rappresentanti della minoranza Alessandro Rossignoli e Valentina Franchini. Anche se quello che avrebbe dovuto essere un unico gruppo è da tempo diviso in due forze autonome. In sede di assemblea comunale il piano è passato con il sì della maggioranza, l’astensione di Rossignoli ed il no di Parise. Arduini e Franchini erano assenti giustificati. Passato il Consiglio, però, la questione non si è fermata lì. Tanto che i suoi dubbi Parise li ha voluti rendere ancora più pubblici, diffondendo una nota nella quale, pur definendo positivo il fatto che siano stati introdotti sistemi di misura puntuale per le quantità di rifiuti umidi e secchi che vengono raccolti, sottolinea quelle che a suo avviso sono delle chiare criticità. «Le tariffe che verranno pagate dai singoli utenti non saranno più sufficienti a coprire il servizio, e chi supererà il numero dei conferimenti massimi dovrà versare una maggiorazione, che potrà risultare consistente», spiega il consigliere. Secondo il quale, nei casi più estremi, una famiglia di tre persone può arrivare a pagare 44 euro in più all’anno ed un single addirittura 64. «Nel 2018 la tariffa aumenterà del 2,39 per cento per le utenze domestiche e del 4,55 per le non domestiche, anche se il servizio resterà pressoché lo stesso, visto che vengono aggiunti i trattamenti delle caditoie e contro le zanzare-tigre ma nel contempo si toglie il terzo passaggio estivo di raccolta dell’umido», aggiunge Parise. Il consigliere, poi, invita il Comune ad introdurre incentivi più consistenti per chi decide di fare il compostaggio domestico. «Il piano tariffario portato in approvazione era lo stesso che viene adottato da tutti i Comuni in cui opera Esa-Com e prevede già uno sgravio, pari mediamente a cinque euro per utenza, per il compostaggio», replica il sindaco Eddi Tosi. Poi, sottolinea che il servizio viene ampliato e precisa che verrà studiato un ulteriore incentivo alla trasformazione in casa dei rifiuti umici che preveda «un contributo per l’acquisto dei contenitori e la contemporanea raccolta di dichiarazioni che ci permetteranno di sapere con precisione chi effettua questa pratica». D’altronde, pur essendosi astenuto in Consiglio, ha un atteggiamento positivo anche Rossignoli. «Non risulta che questo servizio stia creando problemi o registri criticità», spiega. «L’incremento delle tariffe è in linea con le previsioni ed è spiegabile con l’aumento dei costi di conferimento dei rifiuti in discarica», aggiunge. Da sottolineare, infine, che il consiglio comunale ha anche votato, sempre a maggioranza, il bilancio di previsione per il prossimo anno. «L’averlo fatto prima della fine dell’anno è importante, perché da una parte certifica che i conti sono a posto e, dall’altra, ci consentirà di avere, così come prevede la legge, benefici e risparmi nel prossimo esercizio», afferma il sindaco Tosi. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1