CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

06.12.2018

«Stop al polo scuole». Ma al voto vince il sì

Il sindaco Tosoni all’assemblea sul polo scolastico a febbraio scorso
Il sindaco Tosoni all’assemblea sul polo scolastico a febbraio scorso

Ha chiesto di rimandare la delibera sull’acquisizione del terreno per il nuovo polo scolastico, ma la maggioranza, dopo una pausa di una ventina di minuti, è andata avanti e lo ha votato. Questo è accaduto nell’ultimo consiglio comunale quando, prima della discussione del punto relativo all’acquisto del terreno, il consigliere Enrico Bertuzzi di Valeggio si cambia), ha opposto, seguendo il regolamento del consiglio, una questione pregiudiziale, chiedendone il rinvio. Bertuzzi ha poi precisato i motivi della sua richiesta, sostenendo che i prerequisiti di pubblica utilità, urgenza e indifferibilità dell’opera, non erano supportati da elementi fondamentali come l’approvazione del progetto definitivo e l’inserimento nel programma triennale delle opere pubbliche. «Mancando la completezza di questi requisiti», ha affermato decisamente Enrico Bertuzzi, «ritengo che ad oggi non trovi formale giustificazione attestare l’indispensabilità e l’indilazionabilità dell’acquisto dell’area». La posizione del consigliere di minoranza metteva in difficoltà la maggioranza e si andava a una sospensione dei lavori di una ventina di minuti. Al rientro il sindaco, Angelo Tosoni, replicava dichiarando di avere in mano l’attestazione di indispensabilità e indilazionabilità redatta dal funzionario comunale e quella sulla congruità della spesa da parte del demanio. «Questi requisiti li abbiamo», rimarcava Tosoni, «mentre la dichiarazione di pubblica utilità non è necessaria e inoltre rimandare comprometterebbe l’operazione». Al voto la richiesta di Bertuzzi veniva respinta, raccogliendo solo quattro voti: il suo, quelli di Federica Foglia e Francesco Marchi di Valeggio-Cittadini protagonisti e quello dell’ex capogruppo di maggioranza, il leghista Andrea Molinari. Proprio Molinari, quando si apriva la discussione sul tema, al punto successivo, ribadiva la posizione che l’aveva spinto un anno fa ad uscire polemicamente dalla maggioranza. «Il programma amministrativo del 2014», rilevava Molinari, «non è stato rispettato, perché si parlava di ampliamento della scuola media, con l’inserimento di un nuovo corpo a due piani nel lato sud e in seguito della progettazione di un nuovo polo scolastico. Si sceglie una strada più costosa e una zona che non è vicina alla scuola media. Inoltre, c’è il timore che la vecchia scuola elementare venga alienata quando invece potrebbe diventare un contenitore importante per tutte quelle attività comunali ora in affitto da privati». Toccava poi a Bertuzzi chiedere ai consiglieri di maggioranza di non intestardirsi, visto che a distanza di un anno è già cambiata l’area scelta (prima situata a ridosso dei campi sportivi), che il prezzo di questa è salito, nonostante la presenza di una fascia di rispetto e che non sarebbero rispettati gli standard per l’edilizia scolastica (17 metri quadri invece dei 20 richiesti). Concetti ribaditi anche da Federica Foglia che chiedeva: «Perché comperiamo un terreno più piccolo, vincolato da una fascia di rispetto e lo paghiamo di più di quello previsto precedentemente?». A tutti rispondeva unicamente il sindaco, evidenziando che «l’idea di un nuovo polo è stata condivisa con l’Istituto comprensivo, anche per evitare che una costruzione annessa all’attuale media mettesse in sofferenza palestre e cortili», pur concedendo che, se non andasse a buon fine l’opzione del fondo immobiliare, «si potrebbe pensare a un percorso misto e per moduli». Ora i consiglieri comunali che si sono opposti dovranno valutare quali strade percorrere per fermare il progetto. •

Alessandro Foroni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1