CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

22.12.2017

Un romanzo per raccontare l’esperienza di mobbing

Isabella Flores ha scritto anche un libro sulla sua esperienza lavorativa, vissuta nel comune di Samolaco in Valchiavenna prima di approdare nel Veronese. S’intitola «Per Letizia», è un romanzo e ha spiegato al giornale «La Provincia» di Sondrio, racconta «la tragica e paradossale storia che ho vissuto. Il libro narra l’esperienza di un tecnico comunale che viene preso di mira da un’amministrazione che si impegna a distruggergli la professionalità, l’immagine e la vita». Eppure si tratta di una storia, conclusasi con un lieto fine in quanto la Corte d’appello di Milano le ha dato ragione, riconoscendo le angherie subite dalla Flores sul posto di lavoro. I giudici milanesi, riporta ancora il quotidiano di Sondrio, hanno condannato il Comune a pagare la Flores ottantatremila euro. «Si tratta di soldi», ha poi spiegato la Flores, «destinati a pagare le spese legali di primo e secondo grado e a far fronte a parte dei debiti contratti per la grave situazione economica in cui mi sono trovata in questi anni». La vicenda giudiziaria, però, non si è ancora conclusa perchè la giunta del Comune lombardo ha deciso di ricorrere in Cassazione. Isabella Flores era comunque molto conosciuta tra Sondrio e dintorni per la sua attività a tutela degli animali. Con la pubblicazione del libro, poi, era diventata esperta di mobbing e c’era anche chi le chiedeva gli autografi. C’è, infine, una testimonianza resa da un’amica di Isabella: «Nel 2014, una volontaria della onlus Ugda iniziò a chiederle di prendere in stallo un cane. Nel corso del tempo, ne arrivarono altri. Alcuni li ha adottati, alcuni li ha dati in adozione, altri li ha dovuti tenere. Nel 2015, una di questi cani arrivò in barella: ricordo che l’avevano data per paralizzata e Isabella la fece curare». La passione della Flores era ammirata da chi la conosceva: «Ama moltissimo gli animali, alcuni ne ha fatti operare a proprie spese. Probabilmente quando c’è stato il sequestro la casa era sporca, però i cani che io ho visto, anche recentemente, erano in ottima salute». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1