CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.12.2017

Tanti esami per sceglierne uno Ennio incoronato Babbo Natale

Il gruppo di aspiranti al ruolo di Babbo Natale fotografati durante le prove FOTO PECORAEnnio Galazzini, vincitore dell’edizione Babbo Natale 2017
Il gruppo di aspiranti al ruolo di Babbo Natale fotografati durante le prove FOTO PECORAEnnio Galazzini, vincitore dell’edizione Babbo Natale 2017

Federica Valbusa Anche quest’anno, la Grande Mela ha trovato il suo Babbo Natale. Il casting pubblico, che si è svolto domenica 3 dicembre pomeriggio davanti a una platea di bambini, si è concluso con la vittoria del sessantaduenne Ennio Galazzini di Ponti sul Mincio. La giuria, formata da tre rappresentanti della direzione del centro commerciale e dal Babbo Natale dell’anno scorso, ha ritenuto che Ennio abbia tutti i requisiti per intrattenere i più piccoli durante il periodo natalizio. Con la sua lunga barba bianca, il suo sorriso dolce e la sua voce pacata, è stato giudicato il candidato perfetto per portare nel centro commerciale la magia del Natale. Questo ruolo speciale che gli è stato affidato rappresenta anche una bella opportunità economica: la Grande Mela ha infatti regalato al vincitore un contratto di lavoro di nove giorni, per un compenso netto di duemila euro. Sono stati ventisette i signori che si sono presentati alle selezioni. Per loro erano previste cinque prove. Nella prima, la giuria era semplicemente chiamata a valutare se le caratteristiche fisiche dei candidati fossero più o meno vicine a quelle che l’immaginario collettivo attribuisce a Babbo Natale. La seconda prova prevedeva che gli aspiranti al prestigioso ruolo sorridessero all’interno di una cornice, così da consentire ai giudici di capire quanto fossero fotogenici. Il terzo test, che ha ridotto drasticamente la rosa dei possibili vincitori, chiedeva di cimentarsi nella celebre risata di Babbo Natale. Solo sei candidati sono riusciti a convincere la giuria e a passare alla fase successiva della selezione, in cui dovevano simulare una telefonata con un elfo, per ordinare i regali richiesti dai bambini. Sono quindi rimasti solo tre candidati, che hanno danzato con i più piccoli e spiegato cosa li ha spinti a partecipare al casting. A questo punto, è intervenuto Sergio Di Franco, il Babbo Natale incoronato dal casting dell’anno scorso, che ha detto ai tre candidati rimasti: «I bambini riescono a leggere nel vostro cuore. Nelle vostre parole, nelle vostre movenze e nei vostri sguardi troveranno la festa del Natale». L’ultima prova è stata quella decisiva: seduti sul trono di Babbo Natale, i finalisti hanno dovuto leggere un piccolo brano da un libro di fiabe. La decisione dei giudici non ha lasciato spazio ai dubbi: il compito di colorare di magia le giornate natalizie è stato affidato ad Ennio, che è stato proclamato vincitore dal presentatore dell’evento Damiano Gagliani e ha poi ricevuto il contratto di lavoro. Il nuovo Babbo Natale era molto emozionato. Porta la barba da quarantadue anni e non la accorcia da un anno: questa caratteristica conferisce al suo volto i tratti perfetti per interpretare il Babbo Natale della tradizione. Indossando gli occhiali per la realtà virtuale, i più piccoli si troveranno immersi nel mondo di Babbo Natale: vicino a lui sulla slitta mentre consegna i regali. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1