CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

28.12.2017

Due sedie a rotelle donate ai disabili dal Club enologico

La cerimonia di consegna delle sedie a rotelle
La cerimonia di consegna delle sedie a rotelle

Anche nell’associazionismo, l’unione fa la forza. Il Club enologico culturale di Lugagnano ha voluto sostenere il Gruppo dell’ammalato, donando due sedie a rotelle per le persone che ne hanno bisogno. Per la consegna ufficiale è stata organizzata una breve cerimonia in Largo Weiler, alla quale erano presenti anche il presidente del consiglio comunale Roberto Merzi e il vicesindaco con delega al sociale Simone Caltagirone. C’erano poi Antonio Padovani, presidente del Club enologico culturale, con alcuni soci e membri del direttivo, Mario Nichele, responsabile del Gruppo dell’ammalato, e la dottoressa Emanuela Schiera. «Il Club enologico culturale», afferma Padovani, «opera sul territorio attraverso diverse iniziative, anche a carattere sociale come in questo caso». La decisione di donare le due sedie a rotelle è stata deliberata all’unanimità dal direttivo. La volontà era proprio quella di sostenere attraverso un gesto concreto il servizio che il Gruppo presieduto da Nichele presta agli ammalati e alle persone con disabilità temporanee. «Quando Padovani mi ha chiamato per comunicarmi la scelta del direttivo», afferma Merzi, che è tra l’altro socio del Club enologico culturale, «ho subito ritenuto che la cerimonia fosse da valorizzare dando risalto all’aspetto della solidarietà tra associazioni che, seppure in campi diversi, operano sul medesimo territorio». «Mi hanno chiesto che cosa ci servisse», spiega Nichele, «e io ho risposto due carrozzine, che potranno essere utilizzate gratuitamente da chi ne ha bisogno. Questi gesti sono per noi molto importanti, perché noi mettiamo a disposizione degli ammalati ciò che ci viene donato». • F.V.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1