CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.12.2017

Pienone allo show che racconta la storia della musica

Un quadro che si anima in una soffitta vicino all’Arena di Verona, un giovane musicista, un mappamondo, un vecchio grammofono ed è subito Vicolo teatro 22. È lo spettacolo che ha festeggiato il 35esimo anniversario della Scuola di Musica e Teatro Antonio Salieri e che ha segnato un altro successo del team dell’associazione che ha fatto il tutto esaurito all’Auditorium Mirella Urbani. È un’opera prima originale dedicata proprio ad Antonio Salieri il cui testo è stato scritto da Gian Maria Tonin e messo in scena con la collaborazione di una equipe di lavoro che ha curato la recitazione, la colonna sonora, gli inserimenti multimediali e scenici. Un lavoro importante che ha proposto in modo semplice ma efficace la figura del grande compositore e musicista veronese in un luogo e in un dialogo ideale con il protagonista, Henry, musicista e insegnante di musica moderna, per raccontare la storia della musica dal ’700 ai nostri giorni, evidenziando quanto, pur nel cambio epocale degli strumenti e l’inserimento tecnologico nella costruzione degli stessi e nella composizione, comunque la musica rimane sempre veicolo di armonia, bellezza e soprattutto linguaggio universale di pace tra i popoli. Lo spettacolo si è avvalso di video tematici che hanno incantato il pubblico in una riflessione su guerra, pace, ambiente, futuro dell’umanità, il tutto accompagnato dalle musiche di Salieri, eseguite da un quartetto classico (Elisabetta Giarosa violino, Cecilia Recchia, viola, Marco Sartori violoncello, Virginia Mazzi, flauto traverso) e dalla storica band della Salieri The Teachers (Emily Guerra, voce, Enrico Bissolo, tastiere, Zak Hinegh e Marco Piacentini, chitarre, Marco Bosco, basso e Gian Maria Tonin batteria) che hanno suonato musiche da Battiato ai Cold Play, da Michael Jackson a Zucchero e ai quali si sono aggiunti ospiti del calibro di Enrico Benty Bentivoglio sax e fiati, Jenny Borgatti, piano, Enrico Cordioli, chitarra classica, Nicola Cipriani chitarra elettrica, Pascale Aynon, percussioni. • L.Q.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1