CHIUDI
CHIUDI

10.01.2019

Melanoma, quattro
giornate di visite
gratuite a Villafranca

È un monito quotidiano: la prevenzione è determinante per sconfiggere il cancro. A volte però non c’è denaro per affrontare visite specialistiche oppure le liste d’attesa del sistema sanitario sono lunghe. Tagliano tempi e spese, invece, i Rotary club veronesi che in collaborazione con la Fondazione Ant organizzano a Villafranca quattro giornate di visite gratuite di controllo: una per la tiroide e tre di prevenzione al melanoma della pelle.

I professionisti dell’Ant effettueranno 30 visite con ecografia per la tiroide sabato, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18, all’Auser di via Rinaldo. Il progetto melanoma, invece, offrirà visite con dermatoscopio a 90 persone il 19 e il 26 gennaio e il 9 febbraio, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18, sempre all’Auser. Le visite si prenotano chiamando il numero verde 800.929203, dalle 9 alle 13.

Quelle di Villafranca sono le prime di dieci giornate della prevenzione: ne saranno proposte altre quattro a Verona, una a Legnago e una a San Bonifacio, per un totale di 300 visite.

Per Villafranca scenderà in campo anche l’Auser di via Rinaldo con il suo servizio Stacco di trasporto gratuito delle persone: «L’iniziativa si rivolge in particolar modo alle persone in marginalità o disabili che al momento della prenotazione della visita potranno chiedere, se occorre, anche il servizio di accompagnamento: un volontario di Auser andrà a prendere la persona a casa e la riporterà dopo la visita», spiega l’assessore Claudia Barbera, in qualità di delegata Ant Villafranca. La Fondazione Ant supporta gratuitamente i malati oncologici e i loro parenti con assistenza a domicilio e aiuti burocratici e psicologici. «Queste iniziative sono fondamentali nella lotta al cancro. In Italia il 31 per cento della popolazione non fa prevenzione, spesso per questioni economiche, e il Rotary con questo service colpisce una problematica sentita», spiega Fabio Feudale, presidente di Ant Veneto e Friuli Venezia Giulia. A Villafranca l’iniziativa è stata illustrata dall’avvocato Pierangelo Mori Bontempini, presidente del Rotary club locale: «Hanno aderito dieci club veronesi. È il viatico per altre attività del Rotary nelle superiori sempre per la prevenzione al cancro da combattere attraverso una condotta di vita sana. Teniamo particolarmente, inoltre, ad aver riservato posti per le visite ai disabili».

«Nella nostra sede ospitiamo già lo sportello per il supporto psicologico di Ant», aggiunge Marisa Butti, presidente dell’Auser. Ant ha anche una sede per i volontari, in via Messedaglia 170, aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 15.30 alle 18. «E cerca volontari sul territorio», spiega Nicola Terilli, assessore al sociale. «Il gruppo va a domicilio, ascolta le persone malate, aiuta a superare i momenti di buio quando le famiglie, con l’annuncio di questa malattia, vanno in tilt». «La fondazione, inoltre», conclude Feudale, «offre assistenza psicologica anche ai familiari dei malati durante la malattia e, se questa prende il sopravvento, nell’elaborazione del lutto». Il progetto sarà ripetuto a Verona il 23 febbraio e il 9 marzo, alla cooperativa Cercate di via Bramante; il 23 marzo nella sala dell’Ex consorzio a San Bonifacio e all’Auser a Legnago.

Maria Vittoria Adami
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1