CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

18.01.2018

Venturi va all’attacco di sindaco e Giunta

Mariella Falduto «Il discorso del sindaco è infarcito di buoni propositi, ma altamente insufficiente». Roberto Venturi, consigliere comunale di opposizione del Centro destra per Isola, critica senza mezzi termini la conferenza di inizio anno del sindaco Stefano Canazza e dal suo vice Michele Gruppo. «Ero presente, ma dopo due ore e mezzo di intervento del sindaco non ho potuto avanzare osservazioni per motivi di tempo», spiega il consigliere. «Il sindaco ha tratteggiato da sé i limiti della sua amministrazione, a detta di molti la peggiore da 25 anni a questa parte. Le sue affermazioni sui motivi dei gravi ritardi dell’amministrazione giustificano solo un’incapacità di amministrare e di avere una visione complessiva delle priorità del paese. Ha dichiarato che non si aspettava tante difficoltà e di essersene reso conto solo dopo essere diventato sindaco, in quanto il suo predecessore gli avrebbe tenuto nascosti alcuni fatti. Ma le azioni di una amministrazione sono fatte di atti che certo non possono essere nascosti a nessuno. Ci sembra scorretto il tentativo di addossare ad altri colpe che sono invece solo del sindaco e della sua giunta». «Dal momento del suo insediamento», continua Venturi, «questa amministrazione naviga a vista, senza una seria programmazione, semplicemente rincorrendo i problemi, e utilizza il paese come campo pratica per gli assessori, ai quali si poteva concedere comprensione per sei mesi, ma non per venti. Ciò è spiegabile con il fatto che le leve del comando sono in mano al sindaco e al vicesindaco, e gli assessori non contano nulla, non vengono valorizzati». Critiche sono poi rivolte ai progetti. «Quanti sono», chiede, «quelli predisposti e presentati in questi 20 mesi di amministrazione per ottenere finanziamenti regionali o europei? La risposta sarebbe desolante. Nessun progetto portato a termine sinora è stato avviato da questa amministrazione: la ciclabile per gli impianti sportivi è stata progettata e finanziata dalla precedente amministrazione, e non è ancora ultimata; il nuovo depuratore, opera necessaria, è stato progettato negli anni scorsi e finanziato non certo da questa amministrazione. L’unico intervento progettato, avviato a dicembre 2017, è la strada a servizio della fiera, che vedrà compimento nel 2019. È una strada vicinale già esistente, che sarà in parte espropriata a privati e allargata in alcuni punti per consentire il traffico veicolare dalla provinciale di Erbè, con una spesa di circa 375mila euro (rimarrà comunque in battuto, non asfaltata)». «Pur consapevoli dei problemi di accessibilità alla fiera», aggiunge, «ci chiediamo quale utilità possa avere una spesa come questa, che fa confluire il traffico all’interno del parco, e perché debba essere sostenuta (a parte l’esproprio che incide per 40mila euro) dal Comune e non da Ente Fiera. Con questi soldi il Comune avrebbe potuto o programmare i parcheggi vicino al paese con un accesso pedonale agli spazi fieristici e un collegamento tra la fiera e il centro, o migliorare il decoro urbano del centro e delle frazioni». Venturi entra poi nel merito di alcuni atteggiamenti che non gli sono piaciuti durante i rapporti intercorsi con le minoranze che rappresentano un aparte di elettori: «Spesso è politicamente arrogante il comportamento del sindaco e del vice in consiglio comunale nei confronti delle minoranze, che vengono spesso zittite e le cui mozioni vengono sistematicamente bocciate con i pretesti più ridicoli, nonostante siano proposte nell’interesse della comunità». •

Mariella Falduto
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1