CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

14.11.2017

Due consiglieri attaccano
«Qui sanità dimenticata»
Il sindaco: «Non è così»

I consiglieri di opposizione Alessandro Meneghelli, eletto nella lista Isola nostra, e Luciano Mirandola di Opificio isolano, denunciano la situazione sanitaria del territorio «completamente scoperto e privo di servizi sanitari adeguati».

Dicono infatti: «Inefficienza e disagi sono aumentati nel continuo aggravarsi di una situazione sempre più critica, in quanto ormai altro non si fa che smantellare l’ospedale che avrebbe avuto tutte le potenzialità per continuare a rispondere ai bisogni di salute della popolazione, almeno fino all’apertura di quello di Villafranca, del quale purtroppo non si hanno ancora notizie certe».

«Il nostro territorio», continuano, «sarà in completo vuoto sanitario dopo che anche i 50 posti letto di ospedale di Comunità previsti dalle schede ospedaliere del 2013 sono stati soppressi dalla nuova programmazione regionale. Ci chiediamo cosa abbia fatto l’amministrazione comunale per evitare che si arrivasse ad una situazione così critica, perché non si sia mobilitata per far sì che venissero attuati i servizi diagnostici e specialistici ambulatoriali previsti dalla dirigenza dell’ex Ulss 22; perché non abbia mai preso in considerazione le segnalazioni del Comitato per l’ospedale sulle numerose criticità dei servizi sanitari del territorio; e perché non abbia mai informato la popolazione sulle problematiche della sanità locale».

I due consiglieri comunali si rammaricano per «l’immobilismo dell’amministrazione comunale», lamentando di aver sempre avuto risposte evasive alle interrogazioni e mozioni presentate in Consiglio comunale e rimproverando al sindaco Stefano Canazza di non aver partecipato all’incontro del Comitato dei sindaci del Distretto 4 del 20 settembre, che aveva all’ordine del giorno la situazione degli ospedali di Comunità, per cui Isola della Scala è rimasta senza rappresentanti e la lettera concordata in quella occasione e inviata alla Regione non riporta alcun cenno sul grave vuoto sanitario del territorio.

Il sindaco Canazza ribatte: «Ciò che viene strumentalmente detto dall’opposizione può far immaginare che l’amministrazione non sia presente nei momenti delle decisioni, ma non è vero, la nostra presenza è costante. I 50 posti letto di Comunità per Isola sulla carta sono ancora confermati, e nell’incontro del Comitato dei sindaci del 18 ottobre ho votato a favore dell’accelerazione per il completamento dell’ospedale Magalini di Villafranca, insistendo che il passaggio successivo sia la cura delle emergenze anche di Isola della Scala. E oltre al problema delle emergenze abbiamo anche quello dei collegamenti».M.F.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1