CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

11.02.2017

I disegni dei ragazzi
assieme ai fondi
per Monteleone

Angelini, Panuccio e Caldana
Angelini, Panuccio e Caldana

Alla consegna dei fondi raccolti per le zone terremotate del comune di Monteleone di Spoleto, colpito dal sisma il 24 agosto scorso, è seguito l’impegno di continuare gli incontri tra le due comunità per rinsaldare amicizia e solidarietà. La somma ammonta a 5.210 euro, frutto di due cene e di contributi di singoli e gruppi tra cui i ragazzi della scuola Salgari che hanno accompagnato il dono con disegni e temi destinati ai loro coetanei. I fondi sono stati consegnati dal sindaco Antonello Panuccio e dal vicesindaco Pino Caldana al sindaco di Monteleone Marisa Angelini. «Abbiamo scelto il centro di Monteleone, inserito nel cratere sismico dal 24 agosto», spiega il sindaco Panuccio «perché è un piccolo paese a 50 km da Amatrice e a 35 da Norcia, sul confine tra Lazio e Marche e, come tanti piccoli comuni, fa molta più fatica a trovare le risorse per far fronte alle ferite lasciate dal terremoto».

«Durante la nostra visita», continua il vicesindaco Caldana «abbiamo visitato il paese ed il campo di accoglienza allestito dalla protezione civile. Sono oltre 100 le case inagibili, come pure la splendida chiesa trecentesca di San Francesco e parte della scuola. I fondi finanzieranno il progetto Villaggio Sicuro ideato per dare risposte di protezione e assistenza alla popolazione in occasione di eventi calamitosi».

Il sindaco di Monteleone, dopo aver ringraziato i cittadini di Castel d’Azzano ha proseguito: «Oggi più che mai è la competenza e la vicinanza umana che occorre alle comunità locali. Grazie ai temi e ai disegni che ci hanno inviati i ragazzi delle scuole di Castel d’Azzano e che saranno consegnati alle insegnanti per una lettura pubblica nella nostra scuola», ha concluso promettendo, di voler continuare i contatti tra scuole e associazioni per rinsaldare amicizia e solidarietà tra le due comunità. G.G.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il progetto del traforo è stato ridotto (niente camion e una sola canna). Tu cosa faresti?
Facciamo il traforo corto
ok