CHIUDI
CHIUDI

07.02.2019

Scherzi del Gps, ci risiamo I Tir si infilano in un budello

Un Tir nella stretta via Marconi a San Pietro in Cariano
Un Tir nella stretta via Marconi a San Pietro in Cariano

Via Matteotti è una trappola per Tir. A San Pietro in Cariano come a San Massimo, il paese deve fare i conti con i mezzi pesantiche che imboccano, alla bell'e meglio le strette vie del centro. C'è però da dire che nel capoluogo carianese il fenomeno, almeno per il momento, non raggiunge l'intensità di traffico del sobborgo cittadino. Secondo un vecchio adagio, nella vita ogni santo aiuta, ma sulla strada pare proprio che le regola non regga. Come accade ormai da mesi nel centro di San Massimo all'Adige, pure nel capoluogo carianese negli ultimi tempi gli autoarticolati hanno preso a imboccare le vie più interne del paese, nonostante i divieti. «Tutta colpa del Gps», si scusano gli incolpevoli camionisti vittime di quello che dovrebbe essere il sistema di posizionamento globale, ma che nella realtà, alla rotonda di via Beethoven, prende fischi per fiaschi e devia i Tir, dalla provinciale della Valpolicella, lungo via Matteotti, uno stretto budello di asfalto che, passando dietro al fabbricato dell'ufficio postale, arriva a via De Gasperi. Una strada stretta, in cui già l'incrocio in contemporanea di due auto non è agevole, ma nella quale, spesso si infilano dei grossi autoarticolati guidati da ignari autisti tratti in inganno dal navigatore satellitare. Senza rendersene conto si ritrovano così imbottigliati, senza possibilità di uscita, nella strettoia di due recinzioni, una delle quali in passato è stata pure abbattuta dall'incauto conducente di un mezzo. Un evento destinato ad avere ripercussioni sul traffico del quartiere e sulla tranquillità dei cittadini, se non fosse per i residenti e il loro mutuo soccorso spontaneo: a ogni evento ormai si prodigano a riportare sulla retta via gli improvvidi autisti, in gran parte stranieri, sostituendosi loro malgrado al fallace strumento satellitare. •

Gianfranco Riolfi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1