Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
domenica, 15 luglio 2018

Gli sportivi del «Dante» si fanno onore nell’atletica

Alice Dolci (BATCH)

Istituto comprensivo Dante Alighieri di Sant’Ambrogio di Valpolicella protagonista ai campionati provinciali studenteschi di corsa campestre. Ragazze e ragazzi della scuola media, che sfoggiavano le nuove divise donate dal Comune ed erano accompagnati dai professori Simonetta Saletti e Lucia Lombardo, hanno fatto registrare buoni risultati. Su tutti, la promettente triatleta di Domegliara, Alice Dolci che ha primeggiato con una condotta autoritaria, nella categoria cadette, qualificandosi per la fase regionale, sotto gli occhi del suo allenatore Stefano Zenti. Complessivamente, l’istituto ha ottenuto il secondo posto di squadra tra i maschi per cui sarà probabile la qualificazione alla fase regionale e il 31° femminile (prima media) nella categorie dei ragazzi. Invece, nella categoria cadette (seconda e terza media) Sant’Ambrogio si è classificata al 10° posto in quella femminile e al 7° nella maschile. Nella categoria ragazze hanno gareggiato Elisabetta Lorenzi, Noemi Brognara, Eleonora Bovo, Alicia Gbidi, Alessia Gasparini (riserva); in quella ragazzi Andrea Banterle, Dumitru Ursu, Caneva Edoardo, Cecchini Marco, riserva Grazzini Diego (riserva); nelle cadette Alice Dolci, Margherita Di Giorgi, Rachele Grigoli, Alessia Zenti, Mery Camponogara (riserva); nei cadetti Francesco Banterle, Federico Tampelin, Tommaso Scala, Cesare Chesini, Davide Prodomi (riserva). «Ancora una volta», afferma l’assessore allo Sport Silvano Procura, «l’ottimo lavoro degli insegnanti dell’istituto comprensivo e l’impegno delle nostre studentesse e dei nostri studenti ha prodotto un grande entusiasmo. I ragazzi sono stati bravi a conseguire importanti risultati e, al tempo stesso, a praticare sport, un fondamentale strumento di socializzazione. Da parte nostra, è stato un piacere fornire le divise per le gare». • M.U.