CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

07.11.2017

Fratelli con un arsenale illecito e incustodito

Armi da guerra, pistola e fucili sequestrati dalla Polizia Provinciale al cacciatore di Marano di Valpolicella, denunciato insieme al fratello
Armi da guerra, pistola e fucili sequestrati dalla Polizia Provinciale al cacciatore di Marano di Valpolicella, denunciato insieme al fratello

Durante un controllo in materia di caccia, la Polizia Provinciale scopre un arsenale incustodito. Gli agenti della Polizia Provinciale, sabato mattina stavano eseguendo un controllo a Marano di Valpolicella quando si sono accorti che un cacciatore aveva, nella cartucciera legata in vita, una cartuccia calibro 12 a palla, munizione per cui è obbligatoria la denuncia e che spesso viene utilizzata dai bracconieri di ungulati, certamente non per la caccia alla lepre, come il cacciatore voleva far credere.

Invitato ad esibire la denuncia della cartuccia, il cacciatore ha accompagnato gli agenti poco distante, in un vecchio casolare disabitato. Ma qui sono iniziate le sorprese. La cascina in disuso, poco distante dalla sua abitazione, aveva il portoncino di ingresso aperto e all’interno gli agenti vi hanno trovato alcuni fucili incustoditi, appoggiati al muro, ed altri collocati in un armadio privo di chiusura. Le armi risultavano denunciate ad un indirizzo diverso dal casolare in cui erano detenute ed erano incustodite. Oltre a ciò, la Polizia ha trovato numerosi proiettili e cartucce a palla che non figuravano nella denuncia.

Allertati i carabinieri, è scattata la perquisizione del casolare, durante la quale venivano trovate ulteriori munizioni non denunciate, una pistola per difesa personale non denunciata, nonché un chilo di polvere da sparo. In totale sono stati sequestrati 8 fucili, una pistola, un chilo di polvere da sparo, 6 munizioni da guerra (assolutamente vietate) e 900 proiettili di vario calibro. Il cacciatore ed il fratello, anche lui cacciatore che usufruisce del casolare, sono stati denunciati per detenzione illegale di armi e munizioni, anche da guerra, oltre che per detenzione in luogo diverso da quello indicato in denuncia dell’arsenale ed infine per omessa custodia di armi e munizioni.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1